L’ALBUM DELLE NEWS DEL 2020

Il 2020, senza dubbio, resterà impresso nella nostra mente, nel nostro cuore e nei nostri ricordi.

E’ stato l’anno dell’incertezza, della paura e delle mancanze. Siamo stati costretti ad allontanarci e a continuare la nostra vita tra le mura di casa, senza l’affetto di amici e parenti, senza gli abbracci e le pacche sulle spalle.

Abbiamo coperto i nostri sorrisi con le mascherine.

Ci siamo sentiti persi ma, giorno dopo giorno, abbiamo trovato la forza per andare avanti, per reinventarci e rinascere.

Abbiamo condiviso con voi gran parte del nostro tempo, ci siamo fatti compagnia dandovi notizie ogni giorno.

Ripercorriamo insieme, mese per mese, le notizie che hanno segnato di più la nostra città.

Ruvo di Puglia ha dato il benvenuto al nuovo anno “con i botti”: tre i parcometri fatti saltare nella notte tra il 31 dicembre 2019 e il 1 gennaio 2020. A distanza di 365 giorni dalla notte del 31 dicembre 2018, in cui furono fatti saltare ben diciassette parcometri, si è verificato lo stesso e identico violento episodio.

Gennaio è stato anche il mese dell’operazione “Dello Russo” con decine di arresti e perquisizioni per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti con l’aggravante della disponibilità di armi.

Boom di atti vandalici nel primo mese del 2020: imbrattata anche la lapide della casa natia di Domenico Cotugno.

Mese di nomine per Francesco Sparapano eletto Presidente del Comitato Feste Patronali e per il sottotenente Domenico Angiulli, nuovo comandante del NOR dei Carabinieri di Vimercate.

Gennaio è stato anche il primo caso di Covid-19 a Bari.

Febbraio, il mese della settantesima edizione del Festival di Sanremo ha visto protagonista Michele Di Bisceglie, il quale ha curato l’acconciatura di Achille Lauro, uno dei big sul palco dell’Ariston.

Si è sfiorata una tragedia nella notte dell’11 febbraio, a causa dell’esplosione di un ordigno collocato sotto una Fiat 16, parcheggiata sull’Estramurale Scarlatti, di un carabiniere ruvese.

Mese importante per i fedeli ruvesi: prima con le note della ruvese Lorenza Di Bitonto, domenica 16 febbraio, che hanno accompagnato la Santa Messa trasmessa su Rai Uno e poi con l’arrivo di Papa Francesco a Bari, il 23 febbraio.

Nel secondo mese dell’anno la nostra città è arrivata anche al Polo Sud grazie a Luigi Paparella, Maresciallo Luogotenente del 16mo Reparto Genio AM di Bari Palese, il quale ha avuto l’avventura di partecipare a una spedizione in Antartide organizzata da ENEA e CNR.

Il mese dei colori e del ritorno del Carnevale a Ruvo di Puglia con il funerale di “Mba Rocchetidde Cape de Rafanidde”.

Il mese dei successi sportivi per la coppia formata da Piero Sorice e Porzia De Nicolò, Campioni Italiani 2020 per la Categoria Professionisti.

Marzo, mese in cui il Coronavirus ha stravolto le nostre vite. Il mese del silenzio, dell’incertezza e della paura.

Conte annuncia il lockdown: l’Italia è un’unica “zona rossa”. Le nostre vite saranno completamente stravolta all’insegna di tre regole: mascherina, distanziamento e igienizzazione costante delle mani.

Scuole chiuse e didattica a distanza con tutte le difficoltà del caso.

Il mese in cui i nostri social network sono stati inondati dagli hashtag #restateacasa e #andràtuttobene.

Il mese in cui i fedeli, in vista della Pasqua, si sono raccolti nella preghiera organizzando rosari di quartiere e non dimenticando le tradizioni della nostra Settimana Santa esponendo i bianchi lini.

Il mese del primo caso di Covid-19 a Ruvo di Puglia, annunciato dal Sindaco il 24 marzo 2020. La gente è barricata in casa: canta o suona sui balconi, ma col passare delle giornate tutto diventa difficile.

Bar e ristoranti lavorano d’asporto, mentre c’è chi si sbraccia per portare a casa dei più fragili la spesa. Il governo si prodiga per far arrivare soldi nelle tasche dei comuni. I Buoni spesa tamponano delle nuove povertà.

Aprile è il mese anche delle nevicate che fanno strage di mandorle in campagna.

Dall’Africa SuorMaria Mazzone prega per la nostra città e si augura per lo Zambia che il sole bruci il Covid-19. E’ forte il cuore solidale dell’intera città. Tanti imprenditori, ma gente comune si rimbocca le maniche per la spesa solidale o per aiutare gli ospedali a reggere l’ondata.

E’ il mese anche dello stop per le tantissime realtà sportive della nostra città, tra cui quella della Talos Basket Ruvo nel campionato di serie B nazionale: campionato concluso anzitempo, salvezza conquistata.

In prima linea anche la storia di Salvatore Lorenzini: lo “Spiderman ruvese” viaggerà per le strade di Ruvo alla ricerca di sorrisi sui volti dei bambini. Si ammalerà di Covid più in là: vincerà la battaglia e per lui si spenderà la città affinchè ottenga il titolo di “Cavaliere della Repubblica” come accaduto per lo “Spiderman” di Savona.

I riti della settimana santa a porte chiuse, riti processionali annulati: è storica la Pasqua del 2020. In quello che sarebbe stato il centenario de “Gli Otto Santi”, le campane suonano, ma le chiese sono mestamente vuote. Si svolge tutto in diretta streaming: le funzioni e la consueta attenzione di ruvesi.it.

La fede ai tempi del Covid-19 diventa rionale: in tanti sui balconi a recitare il Santo Rosario.

Il 25 aprile viene celebrato dal sindaco Pasquale Chieco in una Piazza Bovio deserta. Il primo cittadino si commuove attorniato dai rappresentanti istituzionali.

Bisogna anche sapersi giostrare tra le numerose fake news: chi è positivo al Covid-19 viene visto come untore, mentre

Maggio: è il mese del possibile ritorno alla normalità. Occorre convivere col virus. Il 1 maggio è celebrato su ruvesi.it, mentre dal 4 maggio al via la “fase 2”.

Ruvo va controtendenza: si registra un aumento dei casi. La Farmacia Caputi è al centro di un caso Covid-19. Lo annuncia con un videomessaggio su facebook Giuliano Chiarulli: “Beppe Caputi è positivo, farmacia chiusa”. Il “tam-tam” è immediato, il senso di responsabilità del dottor Caputi serve a limitare la diffusione del virus.

Viene presa di mira anche la Gelateria “American Bar”: i fratelli Pellicani sono increduli dinanzi alla cattiveria della gente e alle false voci messe in circolazione.

Fortunatamente tutto si risolve per il verso giusto.

L’11 maggio è data storica: per la prima volta il consiglio comunale di Ruvo si riunisce in videochat.

Riaprono lentamente tutte le attività commerciali: gli ultimi a farlo sono parrucchieri e centri estetici. Ma nulla è come prima: le regole di distanziamento sociale fanno parte della nostra vita.

Il maltempo non dà tregua: una bomba d’acqua travolge la città: in alcuni punti serve l’intervento dei vigili del Fuoco del distaccamento di Corato.

Giugno: la città lentamente torna apparentemente alla normalità. “Ruvo, Carafa e la Leggenda” ai tempi del Covid-19 si svolge in streaming. L’iniziativa gestita dall’associazione “Centro Studi Cultura et Memoria” vede il suo momento clou pubblicato sui social: un modo per testimoniare la voglia di tutti di tornare alla normalità nel pieno rispetto delle regole.

A Ruvo vengono identificati i due truffatori della “truffa dello specchietto”. Il sindaco elogia le forze dell’ordine della città.

“La festa della musica” si trasforma in un omaggio agli operatori sanitari della città. La festa di fine anno delle quinte classi della “Bosco” si svolge in pineta, all’aria aperta, per volontà dell’assessora all’istruzione.

A luglio si svolge “Rinascenze 2020”, un contenitore culturale per regalare alla città una parvenza di normalità. Intanto, un incidente coinvolge cinque auto sulla SP231: nulla di grave per fortuna.

Sarà ricordato come il mese delle lauree a distanza. Parenti nell’altra camera a seguire il tutto su zoom o altre piattaforme, mentre gli studenti conseguono la loro laurea.

La Puglia celebra il covid-free il 20 luglio: zero nuovi casi, zero decessi. Ci si prepara all’anno scolastico nuovo. La “Cotugno-Carducci-Giovanni XXIII” lancia la sfida, promuovendo l’avvio di un’era digitale. Un tablet sostituisce libri e quaderni, con i ragazzi pronti a questa nuova sfida. Ma serve connettività e sicurezza al plesso scolastico.

Durante i lavori di ripristino di un locale di Piazzetta Le Monache, vengono riportate alla luce ossa appartenenti a due donne. Si scava tra lo stupore generale.

Viene inaugurato il parco “Belvedere”, il sindaco lo consegna simbolicamente a tutti i bambini di Ruvo. Viene conferita la medaglia d’argento all’EVOO IOOC per l’olio Evo di Casa Rubis.

Lutto nel mondo dei trasporti: muore Peppino Maggialetti, eccellenza nei servizi di transfert.

Ad agosto si celebra la festa di quartiere in via Adua e in diverse parti della città.

L’ottavo mese dell’anno segna gli addii. E’ doppio lutto a DiviSport, dopo la morte di Vincenzo Scarimbolo e di Gennaro, lo storico coadiuvante della struttura. Commercio ruvese affranto per la scomparsa di Lina Fracchiolla e Vincenzo Ficco. In due settori differenti si affermano e lasciano il segno. Lina Fracchiolla è la consulente di intimo e biancheria dei ruvesi, mentre Vincenzo Ficco è la voce di Larghetto Cervone. Mancheranno.

Muore anche la dott.ssa Anna Lobascio.

Chiude i battenti “Ghja’ Bistroit”: “la fine è parte del viaggio”, dicono i titolari ringraziando la città.

La Cantina di Ruvo di Puglia celebra la vendita di 2.700.000 bottiglie vendute nel 2020.

Ruvo si prepara allo “Smart Graduation Day”, mentre lentamente il teatro riprende quota, con lo spettacolo in Largo Cattedrale.

Un ruvese viene trovato positivo dopo esser tornato dalla Sardegna. Mentre c’è chi come intraprende un cammino come metafora di Vita. La pensano così Michele Di Modugno e Stefano De Benedittis. Per Vito Di Vittorio e Teresa Gargano grande soddisfazione dal cammino di Santiago.

Riparte lo sport: la Tecnoswitch conferma Patella come allenatore e rivoluziona la squadra. Firma Cantagalli, saluta Vanni Laquintana. L’asd Byre cambia pelle: nasce una nuova società con Roberto Paparella presidente.

Settembre è il mese della ripresa scolastica, ma anche delle elezioni regionali in Puglia: tra i candidati Michele Emiliano e Raffaele Fitto. Tra i ruvesi candidati al consiglio Regionale vi sono Piero Paparella per Fratelli d’Italia, Mariantonietta Curci per Puglia Popolare, Angelantonio Minafra nella lista “Lavoro, Ambiente, Costituzione”, Marika Montaruli per “Forza Italia”.

Ripartono i banchetti per comunioni e cerimonie: è corsa a feste in agriturismo. Scompare l’insegnante Luigina Mariani, vedova del maestro Nicola Stragapede. Torna il Covid-19 a Ruvo dove si registrano due nuovi casi.

Don Vincenzo Speranza celebra cinquant’anni di sacerdozio, mentre lo sport ruvese esulta per la nomina a Commissario Tecnico della Nazionale di Calcio a 5 di Massimiliano Bellarte.

Emiliano vince nettamente la partita elettorale: è confermato alla carica di Presidente della Regione Puglia.

Ottobre è il mese degli eventi musicali prima del “rompete le righe” forzato. Comincia il Ruvo Coro Festival organizzato del maestro Angelo Anselmi, prosegue il Talos Festival del direttore artistico Pino Minafra.

Cedono i rami dal Cedro di Piazza Bovio e ignoti sfregiano la fontana nei pressi della stessa Piazza.

Intanto, scoppia un focolaio alla scuola “G. Bosco”. Plesso chiuso, mentre la situazione epidemiologica sfugge di mano in tutta Italia. Il virus circola con grande forza, sono lontani i tempi in cui si andava al mare immaginando che tutto fosse finito. Dal venite in Puglia al chiudiamo la Puglia. La fase di sensibilizzazione è finita: fioccano le multe anche in città.

Il 26 ottobre Emiliano emana l’ordinanza di chiusura delle scuole, andando contro il volere del ministro Azzolina. I fondi spesi e le misure identificate per svolgere in sicurezza l’attività scolastica sono fallite. Istruzione garantita attraverso la didattica a distanza. Poi una sentenza del Tar ribalterà l’ordinanza: si giunge a un accordo di scelta individuale se seguire le lezioni in presenza o con la DAD.

il 26 è giorno doppiamente tragico per la nostra città: muore la prima cittadina ruvese di Covid-19. La mattinata comincia con un’altra terribile notizia. E’ morto il cavalier Michele Pellicani, per tutti “Pensiero ad Alta Voce”. Aveva 62 anni lascia un vuoto immenso i città.

I ristoratori protestano a Bari, il settore è in ginocchio e protestano simbolicamente apparecchiando per terra.

Novembre è un mese delicato. Diverse attività saranno costrette ad abbassare le saracinesche. L’Italia è suddivisa in zone: gialle, arancio, rosse. A Ruvo c’è la “Moda del Caffè”, una specie di caffè sospeso. Se acquisti a Ruvo puoi consumare un caffè nei bar ruvesi. E’ l’iniziativa dell’assessorato alle attività produttive e del Duc “Vivo a Ruvo”.

Continuano i furti presso l’isola ecologica. Scatta il coprifuoco alle 22.00, giusto in tempo per seguire Francesco Ficco e Desiree Zaccaro esibirsi a “Ballando con le Stelle”: vinceranno anche grazie al sostegno dei ruvesi.

La settimana del black friday è promossa da uno “spendiamo a Ruvo” collettivo.

Il 25 novembre è anche il giorno in cui “#nonseisola”, no alla violenza sulle donne.

A dicembre saltano le feste religiose cittadine: l’Immacolata e Santa Lucia sono celebrate in streaming. Intanto, la città si illumina grazie all’impegno dei commercianti. Per “Luci e Suoni d’Artista” si accende l’albero di Piazza Matteotti. Per Forbes è uno dei 21 alberi più belli al mondo. La Puglia passa da zona arancio a giallo, ma il decreto “Natale” abbassa le serrande di bar e ristoranti. Dream, Karibu, Classico, Fico e Barba decidono di non garantire neanche il servizio d’asporto.

Dal 23 è attivo anche il Drive through, mentre c’è preoccupazione per due focolai presso la Rsa “M.M. Spada” e quella gestista dalle Suore Gerardine. Sale anche il numero delle vittime da Covid-19. Un momento delicatissimo per l’intera città.

Se i concerti natalizi si trasferiscono sul web, la solidarietà prosegue con la raccolta alimentare e altri piccoli gesti che fortificano la comunità.

Dietro l’angolo c’è il 2021 e altre storie e news da raccontare.

Silia Eden – Paolo Pinto – Menica Terlizzi

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: