La svolta ludica di lavoro e istruzione: ecco i segreti della gamification

Sono sempre di più le aziende e le istituzioni di formazione (tra cui anche scuole e Università) a scegliere meccanismi basati sul gioco, con tassi di gradimento e risultati veramente incoraggianti.

Un apprendimento di tipo nuovo, efficace e ragionato, ma anche divertente e accogliente. È quello che stanno cercando di introdurre diverse scuole e diversi atenei, in Italia e in Europa. Per farlo hanno scelto di seguire uno dei trend di e-learning più discussi e anche più redditizi: il game based learning.

Con questo termine ci si riferisce a tutte quelle attività che sfruttano i meccanismi tipici dei giochi per invogliare alle attività gli utenti. La stessa cosa se questi sono alunni o studenti, messi al centro di una strategia didattica in cui si impara giocando. D’altronde lo dicevano anche i latini, “ludendo docere”, insegnare giocare, insegnare divertendosi. Un’impostazione che aveva molteplici vantaggi: il superamento di bias cognitivi grazie all’ambiente di gioco simulato, il rafforzamento della cooperazione e del lavoro di gruppo, l’empatia, gli incentivi a proattività e a responsabilità. E che questa strategia sia la svolta del futuro lo dimostra anche l’esempio di alcuni studenti pugliesi, precisamente dell’Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli di Massafra. I ragazzi, infatti, hanno vinto un progetto Erasmus per la partecipazione a corsi di formazione proprio sulla gamification a scuola. “È bene entrare in un’ottica in cui gioco e didattica non costituiscono un ossimoro, ma un binomio vincente – ha raccontato il preside Gianluigi Maraglino – a prova del fatto che è possibile apprendere giocando o che giocando si impara

Il Game based learning è stretto parente poi della gamification, ovvero l’applicazione di meccanismi di gioco a contesti di base non ludici. Si tratta di una strategia adottata da siti di gioco online per acquisire nuovi clienti e incrementare le registrazioni alle piattaforme, ma che è estendibile a tantissimi altri settori della nostra economia. Il procedimento è semplice: basta mettere in campo processi di assegnazione premi, creazione di classifiche, badge e traguardi proprio per promuovere e migliorare il rendimento lavorativo. Il meccanismo della gamification rende infatti positiva la competizione tra colleghi, aumentando l’engagement e la motivazione, rendendo inconsapevole, naturale e senza sforzo il raggiungimento di un obiettivo professionale.

Tutto diventa un gioco, insomma, in classe e in ufficio, a scuola e sul posto di lavoro. Un gioco che guarda alla formazione, alla crescita, al miglioramento. Per cercare nuovi canali di sviluppo per i lavoratori di domani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: