La stilista Maria Elena Di Terlizzi in Vietnam per un scambio culturale all’insegna del fashion design

Quando si parla di arte, molteplici sono le forme che ne sovvengono; la moda è una di queste. Lo stile, il gusto, l’innovazione sono le dominanti di una lunga storia che avvolge il costume e il fashion design.

Ciò che non è detto, però, è che non sempre è necessario inventare per fondare nuovi tempi; a volte basta scavare nella storia e nelle tradizioni passate per creare qualcosa di nuovo. Questo è quello che ha fatto la stilista ruvese Maria Elena Di Terlizzi.

Dedicatasi alla moda, alla creazione di capi eleganti e abiti da sposa romantici e ricercati, Maria Elena Di Terlizzi è volata in Vietnam assieme ad altri stilisti italiani per prendere parte al progetto Ao Dai – La cultura dell’amore che mira a promuovere lo scambio culturale tra Vietnam e Italia nel settore del fashion design.

Inserito nelle celebrazioni per il 50esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i due paesi, il progetto ha visto la collaborazione  dell’Ambasciata d’Italia ad Hanoi, l’Ambasciata del Vietnam a Roma e l’ICHAM, la Camera di Commercio italiana in Vietnam. Lo scopo è stato quello di ricreare l’Ao Dai, l’abito tradizionale vietnamita, la quale eredità la si vuole portare nel mondo, formando così nuovi valori basati su quelli nazionali e storici vietnamiti. 

Il progetto, infatti, ha lanciato di una collezione di ben 60 abiti realizzati da Maria Elena Di Terlizzi e dallo stilista vietnamita Quang Hoa.

Penso che lo cambierò un po’ – aveva sostenuto la ruvese al giornale VietnamNet, parlando dell’Ao Dai – lo trasformerò in un outfit che soddisferà tutte le esigenze, dai rituali allo stile di vita di tutti i giorni, che si adatterà al corpo e allo stile di ogni donna che lo indosserà“.

E sempre al giornale vietnamita, Di Terlizzi si è detta privilegiata per aver conosciuto un paese così predisposto alle tradizioni e alle culture di popoli generosi e storici. Racconta di aver indossato l’Ao Dai e di come ci sente importanti in un abito così rigido ma allo stesso tempo elegante poiché pezzo di arte popolare del paese.

Ha aggiunto: “Ho un compito molto importante. Dobbiamo rispettare l’Ao Dai tradizionale nelle linee e nei dettagli che hanno significati spirituali e dobbiamo renderlo più internazionale e alla moda. Farò conoscere quelle caratteristiche tradizionali, incarnandole nell’innovativo e trasformandole in moda e in opere d’arte contemporanea“.

Fonte VietnamNet.vn
Foto Maria Elena Di Terlizzi Facebook
Ruvesi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: