Home Politica La rete dei ‘Sindaci Recovery Sud’ scrive a Draghi

La rete dei ‘Sindaci Recovery Sud’ scrive a Draghi

239
Foto Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse 26-02-2021 Roma, Italia Politica Il Presidente del Consiglio Mario Draghi partecipa alla videoconferenza dei membri del Consiglio europeo.DISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE - Obbligatorio citare la fonte LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

È stata consegnata ufficialmente al presidente della I Commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia, il documento intitolato “Le proposte della Rete dei Sindaci Recovery Sud”, che al momento conta 146 adesioni. Tra di loro c’è anche il sindaco di Ruvo, Pasquale Chieco.

Il coordinamento spontaneo, che intende dare una “risposta istituzionale alla grave crisi di rappresentanza del Sud”, elenca tutti i numeri della “condanna a morte” del Mezzogiorno: dai trasferimenti ancora troppo scarsi per servizi come gli asili nido alla distribuzione dei ristori Covid ripartiti in base alla ricchezza fiscale dei territori, dal ridotto turnover di docenti e ricercatori universitari alla riduzione dei posti letto, dal sempre più risicato numero di dipendenti nei Comuni alla spesa sociale procapite diseguale rispetto al Nord, dalla ridotta speranza di vita alla crescita continua del differenziale di reddito certificato dalla Banca d’Italia e dai più importanti istituti di statistica ed economici.

Una vera e propria ingiustizia che sarebbe sufficiente a “giustificare una mobilitazione generale delle popolazioni dell’Italia meridionale per il riequilibrio territoriale del Paese”. Per questo i primi cittadini chiedono un confronto urgente al Governo perché prenda in seria considerazione una serie di proposte per il Pnrr, a cominciare dal varo di un “SOUTH NEW DEAL“, ovvero un PIANO STRAORDINARIO DI ASSUNZIONI che destini ai Comuni meridionali 5000 giovani progettisti, con una corsia preferenziale per i cervelli in fuga, che dovrebbero aggiungersi ai 60mila dipendenti chiesti dall’Anci per colmare le carenze di organico di tutti i Comuni italiani.

Recovery Sud, nel valutare insufficiente la quota del 33% del piano europeo assegnata al Sud, chiede inoltre l’attuazione immediata dei livelli essenziali delle prestazioni, l’adeguamento del sistema infrastrutturale a quello del resto del Paese (a cominciare dall’Alta velocità), e interventi per potenziare le aree produttive.

Si chiedono inoltre interventi di edilizia sociale attraverso il recupero dei centri storici, piani di recupero delle acque reflue, un piano di adattamento ai cambiamenti climatici, azioni per il recupero di castelli e dimore storiche, deroghe per i Comuni in dissesto, l’eliminazione dei vincoli burocratici, interventi nelle aree interne e nei Borghi autentici, l’introduzione capillare di linee di bus elettrici o a idrogeno, investimenti nella bike economy, la promozione dell’agricoltura sociale e dei terreni confiscati.

La rete degli amministratori portano a modello Monteverde, Comune irpino caro al presidente del Consiglio, Mario Draghi, per le sue origini materne: il borgo, di 700 abitanti, ha investito nel turismo accessibile ai portatori di handicap, dotandosi di attrezzature tecnologiche che consentono l’eliminazione delle barriere architettoniche nella fruizione degli spazi. “Dobbiamo puntare su questo Mezzogiorno, virtuoso e innovatore”, spiega il sindaco di Acquaviva delle Fonti, Davide Carlucci, che insieme al primo cittadino di Noicattaro, Raimondo Innamorato, ha trasmesso la nota ufficialmente alla Camera dei Deputati e allo stesso Draghi, confidando in un incontro costruttivo per esaminare tutte le progettualità d’area che arrivano dai territori meridionali.

Lia Mintrone – Ufficio Stampa Comune di Giovinazzo

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome