Home Cultura La MinAfric Orchestra, con i Tippetts e Louis Moholo, al Ravenna 2016...

La MinAfric Orchestra, con i Tippetts e Louis Moholo, al Ravenna 2016 "For Mandela"

1329

La MinAfric Orchestra e  il duo britannico Keith e Julie Tippetts, con Louis Moholo e i suoi Blue Notes, celebreranno la libertà, l’impegno civile, la giustizia incarnati in Nelson Mandela, Nobel per la Pace, a cui è dedicata la 27^ edizione del Ravenna Festival 2016, intitolata “Ho camminato sulla lunga strada per la libertà”.

Lunedì 20 giugno 2016, alle ore 21.30, nella Rocca Brancaleone di Ravenna, gli artisti interpreteranno, For Mandela, musiche e chansons tratte dal proprio vasto repertorio: Minafra, ad esempio, attingerà al suo Canto General, dedicato al poeta Pablo Neruda.

Le immagini: Cover, p. 17, p. 33 e pag. 46 Nelson Mandela pag. 22 Dante Alighieri pag. 34 Mahatma Gandhi pag. 36 Luigi Nono pag. 40 Ludwig van Beethoven Pag. 43 Béla Bartók pag. 51 Malcolm X pag. 54 Hayao Miyazaki pag. 57 Malala Yousafzai pag. 60 Emmeline Pankhurst pag. 63 Angela Davis pag. 67 Miriam Makeba pag. 68 Martin Luther King pag. 70 Osip Mandelstam pag. 80 Riccardo Muti pag. 86 Dalai Lama pag. 88 Aung San Suu Kyi pag. 90 Joan Baez pag. 93 Ai Weiwei Gianluca Costantini (Ravenna, 1971) ha esposto in musei e gallerie all?estero, dalla Lazarides Gallery di Londra (2009), al Salon du dessin contemporain, Carrousel du Louvre di Parigi (2010), dal Dox Centre for Contemporary Art di Praga, al Museo de Humor Grafico Diogenes Taborda di Buenos Aires (2014). In Italia i suoi disegni hanno affiancato opere di Alighiero Boetti al Museo d?Arte Contemporanea di Lissone (2013) oppure composto grandi installazioni e progetti a tema, come alla galleria D406 di Modena e al Centro Arti Opificio Siri di Terni. Come graphic journalist, una sua conferenza si è tenuta all?Ars Electronic Center di Linz (2009) ed ha partecipato al festival dei Diritti umani di Lugano nel 2015. Con lui fare disegno può divenire atto performativo, magicamente in dialogo con storie e linguaggi diversi: è accaduto al Teatro Alighieri di Ravenna con Hanif Kureishi nel 2011 e con Emidio Clementi, cantante e bassista dei Massimo Volume, alla D406 di Modena nel 2014.
Locandina di Ravenna Festival 2016

Per la MinAfric Orchestra suonano Pino Minafra – trombe; Roberto Ottaviano – saxofoni; Beppe Caruso, Sebi Tramontana, Michele Marzella – tromboni; Livio Minafra – pianoforte; Giorgio Vendola – contrabbasso; Vincenzo Mazzone – batteria; Marco Sannini, Claudio Cesar Corvini, Giorgio Distante – direzione, composizione; Sandro Satta, Carlo Actis Dato, Pasquale Iannarella, Nicola Pisani – direzione, arrangiamenti.

Il comparto voci del solare collettivo è formato da Michele Sinisi – voce recitante; Gianna Montecalvo, Cinzia Eramo, Lisa Manosperti – voci.

Ospiti d’eccezione, naturalmente,  Louis Moholo-Moholo – batteria; Keith Tippett – pianoforte, direzione, composizione e Julie Driscoll Tippetts voce.

“E’ un Progetto nato a Ruvo di Puglia durante il Talos Festival 2014, con l’emblema planetario di Nelson Mandela, e dedicato alle drammatiche ed attuali vicende relative alla migrazione, libertà, ingiustizie, squilibri economici,  culturali, sociali, religiosi, sessuali. Sono battaglie eterne tra il buio e la luce; è un cammino lungo dove l’umanità  si confronta da secoli con risultati scarsi e dove siamo chiamati a dare il nostro contributo necessario per l’evoluzione della specie…” dichiara Pino Minafra.

Il sound caldo, ironico e folle della MinAfric Orchestra, la voce  soul e potente di Julie Driscoll, che canta anche con il corpo, le melodie jazz che evocano la musica tradizionale europea e orientale di suo marito Keith Tippet e la musica del batterista Moholo, che fonde la tradizione sudafricana con la musica afroamericana, contribuiranno ad abbattere i muri di indifferenza e diffidenza eretti nei confronti degli oppressi.

In nome della libertà. In nome di Nelson Mandela.

 

 (Nella foto in evidenza, MinAfrica Orchestra, i Tippetts e Louis Moholo nel 2010)

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome