“LA MARAVIGLIA” AL CONTRARIO E’ UNA SCONFITTA PER TUTTI

Sul “no alla violenza” eloquente e chiaro siamo stati assai espliciti nel corso di questo avvio di anno. A voi lettori non abbiamo mai negato il nostro pensiero di totale disapprovazione di quello che è accaduto nei primi sedici giorni del nuovo anno e di come questa città abbia reagito a tali gesti.

Ruvo ha fatto come Penelope: di notte ha sfilato la tela che aveva cucito di giorno, da “Apriti Ruvo” alle “Luci d’Artista”, per poi sfilare tutto all’insegna di botti e perni saltati.

La chiusura delle giostrine danneggiate di Piazza Matteotti è una sconfitta per tutti: per chi le ha messe ko, per chi le ha inibite definitivamente, complici i danni occorsi, per i cittadini che saranno privati di un gioioso momento con i propri figli, per l’immagine della città. Per tutti, nessuno escluso.

L’ennesima manifestazione della “Maraviglia” al contrario impone uno stop forzato, di riflessione civile e politica su dove questa città sta andando. Si è cominciato un percorso che porta a una nuova Ruvo, i cambiamenti portano a un senso di “mal di pancia” si sa. Ma o ci si lascia guidare da una programmazione seria e sostenuta in modo da poter far fronte ai civili dissensi, correggendo in corso d’opera laddove si è sbagliato, oppure sarà impresa ardua.

Aspettiamo la convocazione di un consiglio comunale, attendiamo manifestazioni forti per ribadire il “no alla violenza” a cominciare dal mondo politico che ha la responsabilità di dare una logica a questa città. Non servono più le parole, le belle parole: è il momento delle azioni, di ritrovarsi uniti dinnanzi a determinati principi.

E nel chiudere le giostrine, nel bannare adolescenti e genitori, dobbiamo ricordarci degli equilibri precari del ruolo degli educatori, da ogni punto di vista. Delle fragilità di una società in balia delle onde e che non sempre offre esempi positivi da perseguire.

Per cui il massimo sostegno alle associazioni e agli educatori che svolgono un ruolo importantissimo e che non debbano sentirsi nè soli, nè criminalizzati. Occorre sedersi attorno a un tavolo e comprendere come porsi dinnanzi a queste dinamiche sociali locali cambiate, con le giovanissime fasce d’età esposte in maniera totalmente negativa.

La parola magica è “insieme”, se cominciamo a sentirci soli o ad agire in solitudine rischiamo di combinare guai.

Offriremo altri due spunti interessanti quest’oggi: l’esperienza civica di un ex sindaco e lo sguardo attento di chi vive Ruvo da lontano. Buona lettura e riflessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: