Home Attualità “LA LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE RUVO”: “CHI SEVIZIA GLI...

“LA LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE RUVO”: “CHI SEVIZIA GLI ANIMALI E’ UNO PSICOPATICO

293

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane aps, sezione di Ruvo di Puglia, lancia un grido di allarme

Attenzione a chi sevizia animali… è uno psicopatico che circola tra noi e il passaggio dal torturare animali a quello di infliggere sofferenze e seviziare uomini piu deboli, donne o bambini, è veramente sottilissimo

Perché la Lndc scrive questo?

A fronte degli ultimi episodi che si sono verificati in questo periodo in cui, ormai, vediamo salire vertiginosamente fenomeni di violenza contro gli animali, forse anche a causa del lockdown da covid o da tutta una serie di conseguenze che influiscono sullo stato di salute mentale di taluni.

Non siamo psicologi, non azzardiamo tesi psichiatriche ma registriamo soltanto gravi fatti (che per ovvie ragioni non descriviamo nei dettagli) , sempre piu frequenti.

Gia mesi fa, con l’evento da noi organizzato:” La crudeltà su animali è tirocinio di crudeltà verso gli uomini”, alla presenza di avvocati, veterinari, studenti universitari, la Lega Nazionale per la Difesa del cane con l’aiuto di criminologa ed esperti in leggi e medicina veterinaria aveva affrontato il tema spesso ignorato, anzi completamente ignorato, della violenza sadica contro gli animali che è solo palestra di allenamento verso quella che si continuerà a perpetrare contro gli uomini, In America , casi di ragazzi che seviziano animali vengono segnalati affinchè queste persone possano correggere il proprio modus vivendi che, per statistica accertata, altrimenti diventano estremamente pericolosi, nel futuro, per i consimili. Questo in sintesi. Cioè , per dirla in breve, chi opera violenza contro animali è destinato ad essere un pericolo per la società se non viene debitamente attenzionato, curato etc etc.

L’Associazione si rivolge con grande preghiera alle Forze dell’Ordine tutte, all’ Amministrazione Civica affinchè si conducano indagini approfondite sui casi di violenza segnalati, (544 bis e seguenti cp.) e si argini il fenomeno in ogni modo possibile. Chiede a gran voce anche la possibilità di entrare nelle scuole per tenere incontri su etica, empatia ed etologia affinchè anche la cultura imperante basata su egoismo, antropocentrismo, disattenzione per l’altro e l’ambiente, possa essere ricondotta ad una cultura CONTRO LA VIOLENZA VERSO I PIU DEBOLI, a qualsiasi specie appartengano!

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome