Home Religione LA DESOLATA DI RUVO A TARANTO PER LA MOSTRA “FACIES PASSIONIS”

LA DESOLATA DI RUVO A TARANTO PER LA MOSTRA “FACIES PASSIONIS”

439

È stata presentata a Taranto la terza Edizione della mostra “FACIES PASSIONIS”, i volti della Passione, che avrà luogo nella Chiesa del Carmine della città Jonica, dal 12 al 16 febbraio. In tale occasione sarà esposta la Madonna Desolata della Confraternita “Purificazione Addolorata”.

Alla mostra libera e gratuita, dedicata quest’anno alle “Lacrime Mariane”, saranno esposti, grazie alla collaborazione prestata dalle confraternite, parrocchie e associazioni religiose, dieci simulacri della Madonna Addolorata provenienti da altrettante città della Puglia.

In particolare, i simulacri provengono da: Capitolo Cattedrale Maria SS. Assunta in Cielo – Bitonto, Le Confraternite di Carbonara – Carbonara, Parrocchia Santi Francesco e Biagio – Canosa di Puglia, Confraternita del Carmine – Mottola, Chiesa San Francesco – Associazione “Bea Vera” – Triggiano,Confraternita Maria Santissima Addolorata – Carbonara, Confraternita del Carmine – Taranto, Confraternita dell’Immacolata – Latiano, Chiesa Maria Santissima Immacolata – San Giorgio Jonico e Confraternita Purificazione Addolorata – Ruvo di Puglia.

Alla conferenza stampa di presentazione tenutasi qualche  giorno fa sono intervenuti il priore del Carmine, Antonello Papalia, il quale ha sottolineato che l’edizione 2020 è incentrata sui volti dell’Addolorata e, quindi, sul dolore di Maria, il padre spirituale del pio sodalizio e parroco del Carmine, mons. Marco Gerardo, l’assessore alla Cultura del Comune di Taranto, Fabiano Marti, e mons. Emanuele Ferro, portavoce dell’arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro.

Le dieci comunità interessate si trasferiranno dalle loro sedi di appartenenza  a Taranto per vivere insieme e condividere una devozione comune per Maria che rappresenta un punto di riferimento per tutta la cristianità e per tutti coloro che sono legati ai riti della Settimana Santa.

Come ha affermato il priore Papalia, infatti, l’Addolorata nei nostri riti rappresenta un momento di forte emozione, in quanto ognuno di noi vive un rapporto di grande passione con colei che viene identificata come “la mamma di tutti”.

Un enorme flusso di fedeli e visitatori è atteso anche quest’anno in terra tarantina dove, per l’occasione,  sono state aggiunte ulteriori attività come concerti e cori provenienti da diverse realtà, al fine di coinvolgere quante più persone possibili.

“Quest’anno la mostra è diventata ancora più importante – ha asserito l’assessore del Comune di Taranto, Marti – ho ancora negli occhi e nel cuore l’emozione della scorsa edizione. Come Amministrazione comunale non potevamo che appoggiare questa  bellissima ed emozionante iniziativa. Taranto – ha concluso lo stesso – non può prescindere dalla sua Settimana Santa. L’Ente civico e le confraternite devono lavorare insieme per continuare su questo percorso e in questo rapporto che quest’anno si è sicuramente consolidato”.

La fede, la tradizione e i sacri riti della settimana Santa nella mostra “Facies Passionis”, vetrina d’eccezione della Puglia, curata dall’Arciconfraternita del Carmine di Taranto che si svolgerà a Taranto dal 12 al 16 Febbraio 2020.

Michele Pellicani

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome