Home Attualità INTERVISTA AGLI ORGANIZZATORI DELL' EVENTO "L'UOMO, L'ANIMA-LE, LA TERRA"

INTERVISTA AGLI ORGANIZZATORI DELL' EVENTO "L'UOMO, L'ANIMA-LE, LA TERRA"

1133

Sabato 12 settembre 2015, alle ore 17.00, Piazza Dante sarà lo scenario nel quale cani di tutte le razze sfileranno, accompagnati dai propri padroni. Parliamo del concorso cinofilo di beneficenza «IO E TE», giunto alla seconda edizione e dedicato al miglior amico dell’uomo.


Organizzata da Animalandia, col patrocinio del Comune di Ruvo di Puglia, dell’Ente Nazionale Protezione Animali Sezione di Ruvo di Puglia e della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, questa simpatica manifestazione sarà anche l’occasione per sensibilizzare alle tematiche del randagismo, grave offesa al diritto degli animali a un’esistenza dignitosa e problema che grava, anche in termini economici, sulla collettività.

Rivolgiamo alcune domande a Rosa Camerino  e Anna Lovino  di  Animalandia a proposito del concorso e del rapporto uomo e animale in senso «universale».

“L’Uomo, l’Anima-le, la Terra” è il motto della seconda edizione del concorso cinofilo « IO E TE » che avete  organizzato. Lo spiegate?

La manifestazione, giunta alla seconda edizione, vuole ancora una volta sottolineare, già dal titolo, che non si tratta solo di proteggere e difendere gli animali, ma tutto cio’ che ci circonda, i piu’ deboli in senso generale, siano essi uomini, vecchi, bambini, donne, alberi, mari o fiumi, animali etc. etc. Non si puo’ continuare a ragionare per categorie, a stabilire delle priorità su chi e cosa bisogna rispettare. La violenza va bandita in ogni sua forma e bisogna difendere chi non è in grado di farlo con le proprie forze. Uomo, animali, piante fanno parte di un «unicum». Se cede una di questa «maglie», cede l’intera «Rete» della Vita.

E’ un concorso di beneficenza «a 6 zampe»: avete voluto simpaticamente sottolineare il rapporto simbiotico tra il “ pet ” e il padrone?

Certo. Il concorso cinofilo enfatizza il grande apporto quotidiano che i nostri amici animali ci regalano in vari settori. Ad esempio, si svolgerà l’esercitazione con i cani antidroga del Nucleo Cinofili Polizia Penitenziaria di Trani, che per il secondo anno ci aiuta e che ringraziamo in modo particolare.


Secondo quali  parametri saranno valutati i cani?

Il concorso amatoriale, che prevede categorie tra cani di razza e meticci, con sfilata per scegliere il cane piu’ grosso, piu’ piccolo, piu’ chiassoso, piu’ agile o giocherellone, è un momento gioioso per rivalutare il rapporto uomo – animale, dal punto di vista empatico. Non è certo una rigorosa esposizione di cani-oggetto!!!! Per tutti gli iscritti ci sarà un simpatico omaggio, oltre che coppe e medaglie per i vincitori.

Qual è l’obiettivo del concorso?

Le iscrizioni al concorso, obbligatorie presso il negozio “Animalandia” di Ruvo ( in via Valle Noè 58 a Ruvo di Puglia  tel. 080/ 3603121, ndr.) permettono di raccogliere fondi per aiutare i randagi, i cani custoditi nel canile comunale dalla Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Ruvo, e i gatti randagi, gestiti dall’ENPA Sezione di Ruvo. Cure mediche, aiuti sul territorio e interventi di vario tipo richiedono un lavoro enorme da parte dei volontari ma anche ingenti risorse economiche. Nella circostanza sarà distribuito agli interessati, il «Regolamento per la tutela degli animali in città e per la civile convivenza con i cittadini».

Come è affrontato a Ruvo il problema del randagismo?

Per quanto riguarda questo triste fenomeno , dobbiamo dire che grazie al decennale lavoro dei volontari e della ASL (che sarà presente per la microchippatura  e che ringraziamo per la disponibilità),  il Comune di Ruvo  ha attivato varie misure per arginarlo,  come la sterilizzazione a tappeto.

Pertanto si può dire che il randagismo sia  tendenzialmente sotto controllo.  Inoltre, come abbiamo già anticipato, Ruvo è tra le poche città pugliesi ad essere dotata del « Regolamento per la tutela degli animali in città e per la civile convivenza con i cittadini». E’ stato adottato a luglio 2013, dopo otto anni di continue sollecitazioni.  E’ un valido strumento di cui avvalersi, con l’ausilio delle Forze dell’Ordine, non solo per evitare maltrattamenti su cani , gatti e altri animali (vedi vendite nelle fiere, esposizione, etc, etc,) ma anche per definire con precisione quali siano i doveri dei proprietari di animali  nei confronti dei cittadini che non ne hanno, al fine di una  serena convivenza.

Inoltre saranno allestiti infopoint in cui gli operatori delle associazioni spiegheranno come evitare il fenomeno del randagismo, forniranno delucidazioni sulla gestione del canile, del gattile, dei cani sul territorio e sul Regolamento comunale.

Confidiamo nel  contributo di ognuno, piccolo o grande che sia. Ce n’è fortemente bisogno.   

Veronique Fracchiolla

Stagista c/o Double P – Communication

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome