In diocesi i diciotto profughi del primo ponte aereo con la Polonia

Il 22 marzo, alle ore 21,15 presso l’aeroporto di Roma Fiumicino è atterrato il primo volo umanitario organizzato da Caritas italiana in collaborazione con Open Arms.

A bordo dell’aereo proveniente da Varsavia (Polonia) c’erano 215 profughi Ucraini. I collegamenti aerei proseguiranno nei prossimi giorni e permetteranno di portare in salvo circa 600 persone, sopratutto donne e bambini.

All’aeroporto romano ad accogliere i cittadini ucraini c’era una delegazione di Caritas Italiana, la nostra Caritas diocesana e la rappresentanza di altre diocesi italiane individuate per questa prima accoglienza (Alba, Andria, Assisi, Asti, Cagliari, Matera, Teramo).

Don Cesare Pisani, Direttore della Caritas diocesana aiutato da alcuni volontari, ha accolto i 18 cittadini ucraini (tra cui 11 bambini) che saranno ospitati nella nostra diocesi. “L’emozione è fortissima e non manca la commozione” queste sono state le prime parole degli operatori dopo aver visto scendere dall’aereo i profughi e in modo particolare i bambini che pur di cercare conforto stringevano a loro chi un cuscino, chi un orsacchiotto o semplicemente una coperta.

 

Gli ospiti ucraini insieme alla delegazione diocesana sono partiti dall’aeroporto di Fiumicino nella notte e sono arrivati in terra diocesana alle prime luci dell’alba di oggi 23 marzo.

I profughi, facenti tutti parte di tre nuclei familiari sono stati accolti presso la comunità di Casa Betania a Terlizzi e nel convento delle suore Vincenziane di Giovinazzo.

Il centro Caritas diocesano proseguirà ad assicurare ogni più ampio supporto con percorsi per il sostegno psicologico, per l’assistenza linguistica e per l’inserimento scolastico dei minori. Di aiuto sarà anche il lavoro svolto da alcune logopediste e logopedisti di Italia che hanno creato delle tabelle comunicative per immagini, in lingua ucraina e italiana, da utilizzare a scuola e a casa per facilitare l’inserimento nel nostro territorio.

I prossimi arrivi, il cui flusso è destinato ad aumentare nei prossimi giorni, saranno quindi gestiti grazie alle numerose disponibilità all’accoglienza che la comunità diocesana continua a mettere in campo. 

 

Michelangelo Parisi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: