Home Agricoltura Il "tutor della carne": consigli per una grigliata sicura, di qualità e...

Il "tutor della carne": consigli per una grigliata sicura, di qualità e con un occhio al risparmio

1280

Griglie accese in Puglia per le serate dell’estate 2016. A Laterza in provincia di Taranto, su Piazza Vittorio Emanuele, domenica 7 agosto, a partire dalle ore 20,00, le imprese agricole di Campagna Amica offriranno carne arrosto 100% ‘made in Puglia’ e per rinfrescare i consumatori grandi fette di anguria. In azione il tutor della carne che darà consigli su come è possibile risparmiare fino al 50% con l’acquisto di tagli alternativi meno conosciuti e più economici, ma anche più adatti alla ricetta che si vuole portare in tavola, senza rinunciare alla qualità italiana.

Sempre il 7 agosto prossimo, a partire dalle ore 19,00, a Latiano in provincia di Brindisi si celebrerà la XXIV^ edizione della ‘Festa in Masseria’, presso Masseria Marangiosa nella contrada omonima. Il colorato Mercato di Campagna Amica animerà l’estate dei consumatori con grigliate miste e verdure di stagione.

In un momento come questo bisogna aiutare i consumatori a conoscere anche i tagli minori di carne nella consapevolezza che, per esempio, del bovino non esiste solo la richiestissima fiorentina, ma ci sono altre parti dal sapore caratteristico che appartengono alla tradizione culinaria. I tagli meno pregiati del bovino da poter utilizzare in cucina – continua la Coldiretti – sono tantissimi, si va dal collo, taglio di terza categoria dalla carne gustosissima (ottima per bolliti o stracotti, ma anche per preparare polpette e ragù), alla punta di petto, taglio molto economico che può essere usato per preparare buoni arrosti, ma anche gustosissimi brodi.

Per non parlare delle verdure estive – melanzane, zucchine e peperoni – che ben si prestano ad accompagnare la carne o il pesce grigliato, impegnando il calore residuo reso disponibile dal barbecue dopo la cottura principale. Un perfetto posizionamento del barbecue lontano da luoghi a rischio incendio è la prima operazione necessaria per poter lavorare in sicurezza e con i migliori risultati. Occorre un piano d’appoggio stabile e sicuro. Anche la strumentazione deve essere adeguata: non possono mancare graticola, pinze, pennello e guanti. Norma fondamentale è che il barbecue non può mai essere lasciato incustodito, ma deve essere vigilato a vista soprattutto in presenza di bambini che vanno tenuti a debita distanza. Per realizzare una buona brace – continua la Coldiretti – è consigliabile impiegare della carbonella di qualità. Il legno può trasmettere dei profumi al cibo, ma anche rovinarne i sapori se troppo ricco di resina. La cottura delle pietanze deve essere avviata soltanto quando le fiamme sono sparite: l’ideale – precisa la Coldiretti – è la carbonella ardente coperta da cenere spenta. Anche il posizionamento della griglia e la sua distanza dalla carbonella deve tener conto della forza del calore emanato. E’ buona norma non rigirare continuamente le pietanze sulla griglia, evitando di bucare la carne per vedere se è cotta. Dopo la cottura – informa la Coldiretti – i cibi vanno sistemati su un tagliere di legno con bordi scanalati e fatti riposare qualche secondo prima del taglio. A conclusione della grigliata spegnere la carbonella per scongiurare il rischio che qualche scintilla caduta su vegetazione secca possa innescare un incendio.

IL VADEMECUM PER UNA BUONA GRIGLIATA

1.Piano d ’appoggio del barbecue stabile, sicuro e non esposto al vento

2.Attrezzatura adeguata (graticola, pinze, pennello e guanti) a portata di mano

3.Controllare sempre il barbecue per salvaguardare i presenti (bambini) ed evitare incendi

4.Impiegare carbonella di qualità, evitando il legno troppo ricco di resina

5.Cuocere i cibi alla temperatura giusta, evitando il contatto con le fiamme

6.Non rigirare continuamente gli alimenti e non bucare la carne

7. Cucinare le verdure con il calore residuo dopo la cottura della carne

8.Far riposare per qualche secondo i cibi cotti su un tagliere di legno scanalato

9.Dopo l’uso spegnere accuratamente la carbonella per evitare il rischio di incendi

10.Pulire a fondo la griglia dopo l’uso con una spazzola di metallo.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome