Il San Francesco rock dei ragazzi del “Regno di Oz”. Stasera replica

Ad appena dieci anni dal debutto  a Broadway di “Jesus Christ Superstar” per la penna e le note di Andrew Lloyd Webber,  il 9 ottobre 1981 al Teatro Unione di Viterbo  Michele Paulicelli portò in scena il musical “Forza venite gente” dedicato a San Francesco d’Assisi. Ritmi rock e ballad descrivono la vita del gaudente Francesco che, a un certo punto della sua vita, con un atto rivoluzionario decide di sposare “Madonna Povertà”.

Il musical è stato proposto in tutto il mondo – l’edizione più famosa è quella del 1991 sul Sagrato della Basilica Superiore di S. Francesco ad Assisi – ma ieri, nel chiostro dell’ex Convento dei Domenicani, a Ruvo di Puglia, ne è stata fatta una vivace e libera trasposizione  a cura dei ragazzi del Centro Diurno “Il Regno di Oz”, in collaborazione con alcuni giovani musicisti della “Apulia’s Band”, con la danzatrice Lola Hassan della “Vivolatina”, i ragazzi del gruppo giovanile della Cattedrale e la danzatrice Gaia.

Inserito nell’ambito della rassegna “Era di Maggio – Le scuole e la città” a cura degli Assessorati alla Cultura e alle Politiche Sociali del Comune di Ruvo di Puglia, il musical “Francesco” dei ragazzi del “Regno di Oz” è un omaggio a don Tonino, di cui quest’anno ricorre il venticinquesimo anniversario del dies natalis.

«Don Tonino – ha esordito Raffaella Scarongella, presidentessa del Centro diurno – era un terziario francescano e ha sposato gli ideali di San Francesco vivendo in povertà e con mitezza. Per questo abbiamo voluto dedicargli la libera trasposizione del musical di Paulicelli. Tra l’altro, quest’anno il nostro camposcuola sarà organizzato a Rivotorto, uno dei luoghi amati da San Francesco».

Mite, frugale ma rivoluzionario era don Tonino come San Francesco che abbandonò agi e mollezze propri del figlio di un ricco mercante – ma pur essendo viveur, lavorava alacremente in bottega e non era avido – per vivere in povertà, in armonia con il Creato di cui facevano parte anche i reietti, gli esclusi, gli ultimi. L’amore per il Creato, la santa allegrezza, l’amore per Dio e la prossimità ai popoli stranieri – nel quadro “La luna” – sono stati restituiti al pubblico con freschezza e profonda partecipazione: alcuni piccoli  protagonisti hanno doti recitative che andrebbero valorizzate. I costumi sono stati realizzati con utensili  di uso quotidiano – nel quadro “Venite  cavalieri – Tu Francesco in Terrasanta” – con stoffe colorate drappeggiate e materiale da recupero lavorati ad arte. Tutto rimanda alla semplicità degli ideali “Peace & Love”, dell’era dell’Acquario che influenzò, in maniera più o meno evidente,molte rappresentazioni artistiche degli anni Settanta e Ottanta. Spettacolo realizzato con pochi mezzi e gradevole, colorato, con singolari accompagnamenti musicali e danze: un musical rivisitato che restituisce, grazie alla valorizzazione di talenti in erba, grandi  e preziosi risultati.

Il musical “Francesco”, a ingresso gratuito, sarà replicato questa sera, nello stesso luogo, alle 19.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: