Il realismo poetico di Cecilia Luzio in mostra a Ruvo di Puglia

Commozione, orgoglio e gratitudine brillavano negli occhi di Cecilia Luzio, giovane pittrice ruvese, al vernissage della sua prima personale a Ruvo di Puglia.

E questo, nonostante le sue opere siano state già apprezzate in numerosi concorsi tra cui “Premio di Incisione Giorgio Morandi”, Milano; “Il Pendio” a Corato; “Gurgos” Andria e presso gallerie e committenti privati.

Ma ieri è stato un giorno particolare perché nella sua città Luzio ha avuto un riconoscimento ufficiale.

Le sue opere sono esposte, infatti, presso la sede dell’Associazione Culturale e Sociale “Ruvo 2.0 – Sezione Salvatore Barile” , in Corso Gramsci 26.

Cecilia Luzio, nel suo discorso introduttivo, ha ringraziato i suoi mentori, i Maestri Domenico Scarongella e Rocco Bucci presso i cui atelier la nostra si è perfezionata e tutti i membri dell’Associazione che sin da quando fu fondata dal compianto ingegnere Salvatore Barile si propone di valorizzare i talenti locali. A tale proposito, molto intense le parole del professor Gianni Todisco, vicepresidente dell’Associazione, che ha ricordato il grande amore di Salvatore Barile per l’arte. «Dinanzi a un quadro, soleva dire di ammirarlo in silenzio e di goderne la bellezza».

[Best_Wordpress_Gallery id=”158″ gal_title=”Vernissage Personale Cecilia Luzio”]

Con questa disposizione di animo e di sensi, quindi, si devono guardare le opere di Cecilia Luzio, ispirate a un realismo-simbolista, dove le figure rappresentate con vivida naturalezza, coi colori del sole e della terra, diventano simbolo delle età della vita; di sogni, speranze e fallimenti.

I fiori, in boccio, rigogliosi e appassiti, dominano in interni domestici testimoni di storie che solo lo spettatore può immaginare. Lumi, frutti autunnali, semplici utensili e libri sgualciti raccontano di frugalità e di aspirazione alla conoscenza. L’amore per la propria terra, la Murgia, esplode nei suoi paesaggi dominati da spavaldi papaveri che circondano case coloniche; da contorti alberi di ulivo e dai boschi di roverella dove si aprono sentieri che rivelano specchi d’acqua e di cielo. Tra le opere esposte soggetti sacri, ispirati ai grandi Maestri; consolidate coppie di sposi, donne e bambini di cui si cerca di cogliere il loro spirito.

La mostra è visitabile ogni giorno, dalle 19.00 alle 21.00, presso la sede dell’Associazione “Ruvo 2.0 – Sezione Salvatore Barile”, sino a domenica 10 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: