IL RACCONTO DI ANNAMARIA, UNA RUVESE A WEMBLEY

Quella dell’11 luglio è stata una domenica indimenticabile con il tricolore nel cuore, negli occhi e sui volti tra Wimbledon e Wembley.

Una domenica sportiva colma di sogni, credo e magia.

A Wembley, nella notte magica azzurra, c’era anche la ruvese Annamaria Paparella, che ringraziamo per il racconto.

Rivela Annamaria: “Vivo a Londra da dieci anni ormai.  Ho deciso di trasferirmi perché dopo essermi laureata in lingue a Bari volevo fare esperienza all’estero e soprattutto praticare la lingua inglese. Avevo soli 24 anni e una vita davanti, inoltre volevo anche staccarmi dalla piccola realtà del paese! L’obiettivo era quello di restarci un anno per poi ritornare in Italia, però purtroppo non è stato così! Questa città è magnetica, è difficile lasciarla, ci ho provato più volte ma non ce l’ho mai fatta!

Attualmente mi occupo si amministrazione/ fatturazione per un centro commerciale a Knightsbridge. 

Penso ogni giorno a Ruvo e all’ipotesi di tornare. Credo che questo sia il mio anno decisivo. L’ultimo credo“.

Essere presente allo stadio è stato emozionante – continua – un’esperienza indescrivibile ed unica perché non era una partita come le altre. Arrivare in finale con l’Inghilterra era quello che non avrei mai voluto e ma che ho sperato fino alla fine.

È stato tanto emozionante, quanto stressante, soprattutto arrivare allo stadio. I tifosi inglesi ormai avevano iniziato i festeggiamenti dalla semifinale.

Era impossibile essere per strada. Attraversare il vialone per arrivare allo stadio di Wembley è stata impresa. Ci ululavano contro, erano ubriachi e incattiviti.

Quando sono entrata nello stadio c’è stato un attimo di smarrimento, la tifoseria italiana era 1/4 rispetto a quella inglese ma ci siam fatto sentire lo stesso come solo noi sappiamo fare.

Dopo il secondo minuto è calato un gelo sulla curva italiana ma abbiamo continuato a supportare i giocatori e a sperare fino alla fine.

Ovviamente ho tifato Italia con tutta me stessa, ero un tricolore dalla testa ai piedi. Qui noi siamo solo ospiti e domenica ne abbiamo avuto conferma“.

Aggiunge: “Insomma vincere contro l’Inghilterra a Wembley è stata la cosa più bella che mi sia successa in tutta la mia vita. Loro non sono sportivi e lo hanno dimostrato insultando e calpestando gli italiani e gli stessi loro giocatori!
L’atmosfera non si può descrivere. 

La partita l’ho vista con tre amici italiani“.

Conclude: “Il momento più bello è stato quando i giocatori italiani sono venuti sotto la curva tutti per mano e si sono tuffati. Alzavano la coppa facendoci fare una ola per tre o quattro volte. Quello è stato un momento magico… e poi l’ultimo rigore parato da Donnarumma. Sapere di avere la vittoria in mano è stato qualcosa di straordinario, la tifoseria italiana era qualcosa di mai visto“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: