Il capodanno cinese e i suoi effetti sul mercato dei Bitcoin: sono davvero reali?

A partire dal 2015, quando lo zodiaco cinese è passato dall’anno del cavallo all’anno della capra, il prezzo di BTC è sceso drasticamente durante il mese di gennaio.

A gennaio 2015, Bitcoin è crollato del 27,3%. Il gennaio successivo ha visto il prezzo diminuire del 12,7%. Bitcoin ha sofferto meno nel suo anno di boom del 2017, con un calo di appena lo 0,25%. Mentre il 2018 ha portato altri guai, con il prezzo per comprare Bitcoin che è crollato del 26%. A gennaio 2019 ha chiuso il mese del 10% in meno rispetto all’inizio. In controtendenza i due mesi di gennaio successivi hanno visto incrementi del 29,8% nel 2020 e del 12,7% nel 2021 tra inizio e fine periodo.

Anche il valore Dogecoin e l’importo da corrispondere per comprare Dogecoin sono andati di pari passo con questo fenomeno.

Quindi, cosa ha causato il blues di gennaio per così tanti anni e questo fenomeno si verificherà nuovamente nel 2022?

L'”effetto calendario” del capodanno cinese

Bitcoin è influenzato dall’avvicinarsi del capodanno cinese, celebrato in Cina e in gran parte del mondo a fine gennaio o inizio febbraio per effetto di un’anomalia chiamata “effetto calendario”.

Essa vede un calo del prezzo di BTC e delle operazioni per investire in criptovalute osservato all’inizio dell’anno e continua fino al capodanno cinese a gennaio-febbraio, prima che si verifichi una leggera ripresa delle operazioni di trading criptovalute con piattaforme come bitcoin 360 ai.

Incassare Bitcoin per le spese di vacanza

Il capodanno cinese o festa lunare/primaverile è la festa più importante del calendario cinese e vede il paese rallentare. La maggior parte delle aziende cinesi chiude per 10 giorni prima dell’evento, per consentire ai lavoratori di fare i viaggi spesso lunghi e costosi per tornare a casa.

Una volta a casa, i membri della famiglia si scambiano dei soldi all’interno di buste rosse per portare fortuna e godersi le feste che possono durare fino a due settimane.

Le criptovalute sono estremamente popolari in Asia e molti investitori cinesi, a quanto pare, scelgono di incassare i propri Bitcoin durante le quattro settimane prima delle vacanze per prepararsi alle spese che dovranno affrontare.

Infatti, guardando al 2019, possiamo osservare che il prezzo di BTC è sceso di $ 100 solo il 28 gennaio, giorno in cui sono iniziate le festività del capodanno cinese.

Guadagni di febbraio

A ulteriore supporto dell’effetto calendario, mentre gennaio tende a vedere un calo dei prezzi delle criptovalute cinesi, febbraio ha spesso osservato un aumento di valore delle criptovalute del Bitcoin o valore Dogecoin. Nel 2015, febbraio ha visto il prezzo di Bitcoin aumentare del 16%. A febbraio 2016, Bitcoin è aumentato del 18% e nello stesso mese del 2017 del 23%, apparentemente come risultato del ritorno dei trader sul mercato.

Nel 2020, quando il nuovo coronavirus si è diffuso in Cina e nel mondo, BTC è stato scambiato a $ 8.880,93 la settimana prima delle vacanze, ha perso più di $ 500 nel grande giorno del 25 gennaio, quindi è salito a oltre $ 10.373 a San Valentino. La storia è stata fatta nel 2021, quando BTC è stato scambiato per $ 33.154 a fine gennaio e ha raggiunto $ 50.000 per la prima volta il 16 febbraio, quattro giorni dopo che l’anno del topo ha lasciato il posto all’anno del bue.

Anche le notizie di BTC in Cina possono influenzare il prezzo

Ci sono stati molti altri fattori che contribuiscono alla volatilità del Bitcoin. Il presidente cinese Xi Jinping non è mai stato davvero appassionato di monete virtuali. Non solo le criptovalute sono state bandite in Cina nel 2017, ma i giganti globali delle monete virtuali Binance e Tron sono stati esclusi dalla piattaforma di social media cinese Weibo. Da allora gli investitori cinesi hanno dovuto trovare metodi creativi per aggirare le restrizioni online e scambiare criptovalute.

Tuttavia, Xi sembra essersi avvicinato alla tecnologia blockchain durante il 2019, sottolineando in ottobre: ​​“È necessario rafforzare la ricerca di base, migliorare la capacità di innovazione originaria e impegnarsi affinché la Cina occupi la posizione di leader nel campo emergente della blockchain”.

Il prossimo capodanno cinese, l’anno della tigre è avvenuto il 1° febbraio 2022. La tigre rappresenta la forza e il coraggio nella cultura cinese, il che potrebbe essere di buon auspicio per gli investitori di BTC.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: