I giorni di fede della Settimana Santa a Ruvo di Puglia

Il sito della settimana santa a Ruvo di Puglia è: www.settimanasantaruvo.it o www.settimanasantaruvo.tk , la pagina ufficiale della Settimana Santa a Ruvo su Facebook è www.facebook.com/pages/La-Settimana-Santa-a-Ruvo-di-Puglia/58383593044. Le dirette streaming della Settimana Santa a Ruvo di Puglia sono su www.ruvesi.it
Vi racconteremo la Settimana Santa a Ruvo di Puglia a puntate. Oggi la presentazione e successivamente parleremo dell’arciconfraternita e delle confraternite di Ruvo, mettendo al cento delle attenzioni le processioni. Lo faremo con Cleto Bucci, console regionale del Torurig Club, associazione che promuove il turismo e la valorizzazione dei nostri beni culturali e autore di numerosi libri tra cui alcuni sulla Cattedrale ruvese e sul museo Jatta. È stato funzionario dell’Assessorato al Turismo della Regione Puglia ed è un profondo conoscitore oltre che della nostra città, anche della Settimana Santa a Ruvo di Puglia.
Fermarsi in Puglia nei giorni della Settimana Santa costituisce una esperienza indimenticabile. Intense giornate di emozioni, piene di genuina pietà popolare aspettano il turista curioso, attento e non frettoloso. Molti Comuni rivivono intensamente riti, usanze e costumi. Fra questi Comuni segnaliamo Andria, Bisceglie, Bitonto, Gallipoli, Grottaglie, Molfetta, Noicattaro, Fasano, Francavilla Fontana, San Marco in Lamis, San Severo, Ruvo di Puglia, Taranto, Trani, Triggiano e Valenzano.
La nostra Ruvo , posta nel territorio del Parco dell’Alta Murgia, di antichissime origini e la cui storia non si conta con i secoli bensì con i millenni, mostra ancora oggi i segni tangibili della sua millenaria fede estrinsecati in queste giornate con riti e usanze tramandati di generazione in generazione.
E come in molte città del mondo cattolico anche a Ruvo i riti penitenziali e i riti di preparazione spirituale alla Pasqua si aprono il mercoledì delle Ceneri. Nelle Congreghe ruvesi, poi, comincia il rituale della vestizione delle “Addolorate”: vera e propria cerimonia della vestizione delle statue, rito “tutto al femminile”, affidato esclusivamente ad alcune “devote”.
Nel contempo, le quattro Confraternite locali, Purificazione-Addolorata, San Rocco, Maria SS. del Suffragio e l’Arciconfraternita del Carmine, si riuniscono tutti i martedì e i venerdì di Quaresima per il rito dell’Adorazione della Croce: momento di forte spiritualità e devozione che fino a pochi anni addietro avveniva a porte chiuse e a cui erano ammessi solo gli uomini appartenenti alle quattro Congreghe e vietando ogni presenza dell’elemento femminile.
Ma le giornate cruciali della quaresima ruvestina sono i cinque giorni che vedono sfilare, in cinque processioni distinte e diverse, bellissimi e suggestivi simulacri. Manifestazioni che conducono protagonisti e spettatori ad un crescendo di emozioni e sofferenza per esplodere poi nel trionfo della Resurrezione nel giorno di Pasqua.
I giorni di fede della Settimana Santa a Ruvo di Puglia corrispondono al Venerdì di Passione_, Giovedì, Venerdì e Sabato Santo e la Domenica di Pasqua.
Ogni processione è curata da una Confraternita diversa e rappresenta una forma espressiva a sé stante, secondo un suo proprio cerimoniale, tramandato nel tempo.
In questi giorni, e soprattutto in certe ore, colpisce infatti l’intensità dei sentimenti e il coinvolgimento che si coglie sui volti dei devoti che si portano presso le Chiese da cui partono le stesse processioni. Altrettanto intensa è l’emozione nel constatare come nonostante gli orari a volte disagevoli e la durata dei riti piuttosto lunghi, la partecipazione dei cittadini sia forte e sentita.
L’ intensità dei sentimenti è data anche dai particolari elementi dei rituali come il lento e cadenzato incedere dei portatori delle statue che attraversano la città per ore, accompagnati dalle cosiddette marce funebri appositamente composte, nonché dal suono cupo della grancassa e dal rullo dei tamburi. E mentre si fa sera, e ancor più nella notte, la fioca luce delle candele aggiunge un pizzico di magia e un poco di mistero, mentre le bianche lenzuola che parano i balconi fanno da contrasto al lutto delle donne.
Si ringrazia Cleto Bucci per la Collaborazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: