Home Sport I DIARI DELLO SPORT: UN INSOLITO WEEKEND IN CHIAROSCURO

I DIARI DELLO SPORT: UN INSOLITO WEEKEND IN CHIAROSCURO

150

La sosta del campionato di calcio di Serie A, portata inesorabimente dal ritorno degli impegni delle Nazionali, ci costringe a vivere un weekend diverso, non interamente imperniato sul nostro, amatissimo, campionato di calcio.

Di solito lo stop viene accolto con non pochi rimbrotti da parte di tutti i tifosi ma, almeno per questa volta, un sorriso pieno è arrivato per tutti gli appassionati di football: la matematica qualificazione della nostra Nazionale ai prossimi Europei del 2020 è stata accolta con un sospiro di sollievo, visto l’incubo vissuto con la mancata qualificazione ai mondiali di Russia 2018.
Un’insolita nazionale in verde ha piegato per 2-0 la Grecia, assicurandosi non solo la qualificazione ma anche la possibilità di giocare nella gara inaugurale della competizione continentale a Roma, oltre che “il bonus” di un intero girone casalingo, da giocarsi allo Stadio Olimpico della capitale.

La sosta, però, non ci ha portati solo a seguire con fervore gli azzurri, ma ci ha consigliato anche maggiore attenzione nei confronti di eventi che solitamente passano in secondo piano rispetto alla passione per la nostra squadra del cuore. La sosta ci ha portati a essere più attenti agli altri sport, a soffirne e a giore un po’ di più.
Si tratta di un fenomeno naturale: siamo spontaneamente portati a cercare di colmare il vuoto, a compensare con altre passioni.

Ecco perchè la matematica vittoria del campionato costruttori da parte della Mercedes (il sesto consecutivo) ha colpito ancor più del solito gli appassionati di Formula 1.
Ecco perchè gli appassionati di tennis hanno sofferto un po’ di più l’eliminazione di Matteo Berrettini contro Alexander Zverev nelle semifinali dello Shangai Masters.

Anche per questo, forse, ci è apparsa ancor più bruciante del solito la sconfitta della Tecnoswitch Talos Basket Ruvo, apparsa svuotata, priva di idee e di grinta e poco attenta nella gara giocata in quel di Roma, in un palazzetto sito a pochissimi metri dal teatro della sfida tra Italia e Grecia.

Ma anche per questo gli appassionati di basket ruvese hanno gioito un po’ di più per i 15 punti di un pupillo del pubblico biancoazzurro come Tommy Laquintana nella larga vittoria di Brescia su Trento. Anche per questi motivi l’impresa di Brindisi per 92 a 89 al Forum di Assago sull’Olimpia Milano riscalda i cuori degli appassionati pugliesi della palla a spicchi.

Insomma, l’assenza della Serie A ci ha permesso di concentrarci sulle sfumature chiaroscure di un weekend autunnale che, malgrado tutto, non ha smesso di fornirci spunti ed emozioni.

Perchè lo sport è questo e, per fortuna, non si ferma mai.

 

 

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome