GRAZIE ALL'OLEIFICIO MAZZONE LE TRADIZIONI RUVESI ARRIVANO OLTREMARE

Anche le tradizioni ruvesi arrivano oltremare per dare l’opportunità al mondo di conoscere il nostro territorio: è la volta dell’olio prodotto dall’Oleificio Mazzone che più case americane hanno avuto l’opportunità di conoscere.
Sarasota, nello stato della Florida, è al momento la città in cui viene commercializzato in maggior quantità il nostro olio extravergine d’oliva. La redazione di ruvesi.it ha avuto l’opportunità di intervistare Giuseppe Campanale, proprietario del frantoio.
Il loro è un piccolo frantoio artigiano che oltre a lavorare olive proprie trasforma olive di fidati produttori locali. E’ ormai da quattro generazioni che la famiglia Mazzone custodisce e perpetua l’arte di trasformare le olive in olio.
Da sempre impegnati a prestare servizio di molitura ai piccoli produttori olivicoli, lavora con passione, all’insegna della trasparenza, correttezza e professionalità.
Tommaso Mazzone tirò su il suo primo frantoio nei primi anni trenta, sfidando chi gli diceva che con la terra e le olive non si fa fortuna. Certo è che da quell’avo ostinato è nata la storia di un olio che oggi è venduto in Florida nel punto vendita dell’oleificio a Sarasota.
Molte cose sono rimaste esattamente come erano in origine. A cominciare dal giuramento di custodire il paesaggio agricolo, la coltura agricola della città di Ruvo e le piante di ulivo di importanza strategica per l’alimentazione.
Il frantoio continua a raccogliere le olive con le mani e a spremerle a freddo nell’antica macina in pietra; a viaggiare in direzione di extraverginità italiana senza compromessi e naturalmente, gli addetti, ad essere quello sono sempre stati, produttori prima che commercianti.
“L’attività all’interno del frantoio dura da sempre e ci è stata tramandata da nostro padre. Tra il 2003 e il 2004 abbiamo deciso, io e mio fratello, di creare un nostro marchio cominciando a imbottigliare lattine d’olio. Proprio in questo periodo è nata l’amicizia con l’americano Mike Forbs, sposato con una ruvese che, in visita presso Ruvo con la moglie, ha avuto l’opportunità di assaggiare il nostro olio quasi per caso.”
E’ proprio così, ci racconta Giuseppe, che è nata questa collaborazione tra l’Italia e l’America nella esportazione dell’olio. “Ho iniziato ad esportare, nei mesi tra febbraio e marzo, i primi 300 litri d’olio via aereo fino al 2007 che, successivamente, sono diventati 33.000 litri e dal 2010 i rapporti con l’America si sono intensificati sempre più”.
Ormai sono tre anni che un gruppo da Sarasota e da tutti gli Stati Uniti arriva a Ruvo di Puglia in concomitanza con la Sagra del Fungo Cardoncello per visitare il territorio ruvese, il frantoio e degustare i prodotti tipici. “Abbiamo avuto anche noi l’opportunità di viaggiare in Florida trovando un clima amichevole e, quindi, una consapevolezza maggiore del buon lavoro che stiamo svolgendo”.
Contenti di questa opportunità che ancora una volta viene data al nostro paese auguriamo a tutti i componenti dell’Oleificio Mazzone di portare sempre più in alto il nome di Ruvo. “L’obiettivo – dice Giuseppe Campanale- è sempre quello di affermare la nostra presenza adesso solo in Florida ma pian piano in altre zone degli U.S.A.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: