Home Palazzo Avitaja GLI AUGURI DEL SINDACO ALLA CITTA'

GLI AUGURI DEL SINDACO ALLA CITTA'

1196

“In occasione della Santa Pasqua desidero far giungere a tutti i ruvesi, a nome dell’intera Amministrazione comunale e mio personale, auguri di pace e serenità.
La Santa Pasqua è una festività cristiana, ma credo che anche i laici possano riconoscersi nel messaggio di rinnovamento spirituale e di rigenerazione interiore che questa ricorrenza reca con sé.
Nella nostra città la settimana Santa viene vissuta con intensità e partecipazione emotiva attraverso i riti e le tradizioni care alla nostra devozione; momenti che fanno parte, a tutti gli effetti, dell’identità culturale della nostra comunità. L ’Amministrazione è sempre impegnata per trovare soluzioni ai numerosi problemi della nostra realtà; molti progetti avviati in questi anni sono finalizzati alla valorizzazione del territorio; siamo, infatti, convinti che Ruvo sia nelle condizioni di fare un salto di qualità, che la porti a diventa-re un punto di riferimento nel circuito turistico pugliese. Si tratta di un obiettivo da tempo inseguito, che oggi ci sembra più vicino, per raggiungere il quale, però, è necessaria la collaborazione di tutti i cittadini, uniti nello sforzo “comune” di presentare ai nostri ospiti “forestieri” luoghi pubblici ordinati, puliti, decorosi, in cui sia piacevole soggiornare, godere delle bellezze artistiche, museali, culturali, naturalistiche (come quelle offerte dal Parco dell’Alta Murgia), e trascorrere qualche giornata di relax. Confido nel senso civico dei ruvesi, affinché le giornate di festa siano vissute con serenità, all’insegna del rispetto del prossimo e del posto in cui viviamo, arricchite da quello spirito di accoglienza e di ospitalità che rende la nostra città cara e indimenticabile a tutti i visitatori. Nel cuore di ciascuno di noi deve trovare spazio la convinzione che dal buon agire di tutti possa venire un futuro migliore. Ancora auguri a tutti per una Santa Pasqua che sia primavera di luce per la nostra comunità.


Vito Nicola Ottombrini”

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome