Home Attualità FUGA DALLA LOMBARDIA, LUNGA LETTERA DI MICHELE EMILIANO

FUGA DALLA LOMBARDIA, LUNGA LETTERA DI MICHELE EMILIANO

969

Nella serata di ieri in molti hanno preso d’assalto le stazioni ferroviarie per uscire dalla Lombardia e scendere verso il Sud. I presidenti delle Regioni si sono subito attrezzati per obbligare alla quarantena i pendolari in questione. Questa la lettera che Emiliano ha scritto per convincerli a scendere da quei treni, a restare al nord per il bene di tutti.


“Vi parlo come se foste i miei figli, i miei fratelli, i miei nipoti:

Fermatevi e tornate indietro.

Scendete alla prima stazione ferroviaria, non prendete gli aerei per Bari e per Brindisi, tornate indietro con le auto, lasciate l’autobus alla prossima fermata.

Non portate nella vostra Puglia l’epidemia lombarda, veneta ed emiliana scappando per prevenire l’entrata in vigore del decreto legge del Governo.

State portando nei polmoni dei vostri fratelli e sorelle, dei vostri nonni, zii, cugini, genitori il virus che ha piegato il sistema sanitario del nord Italia.

Avreste potuto proteggervi come prescritto, rimanendo in casa e adottando tutte le precauzioni che ormai avrete imparato.

Ma avete preso una decisione sbagliata.

Non ho purtroppo il potere di bloccarvi, ma posso ordinarvi di comunicare il vostro arrivo ai medici di famiglia e di rimanere a casa in isolamento fiduciario per 14 giorni.

Se volete evitare queste conseguenze, se siete in Lombardia o nelle altre province indicate, non tornate adesso in Puglia e se siete già in viaggio ritornate indietro.

So cosa state provando.
Ma dovete essere lucidi.

Questo esodo non aiuta voi e fa solo male, tanto male a chi in Puglia vi aspetta e vi ama.

E a chi si trova in Puglia dico: non chiedetemi di chiudere i confini della regione, di bloccare aerei, treni, autobus e automobili perché non ho questo potere. La limitazione della libertà di circolazione è di esclusiva competenza del Governo nazionale.

Sono le due e mezza di notte e con l’Avvocatura regionale abbiamo messo a punto il testo della ordinanza che vi allego.

In questo modo sto facendo il massimo in mio potere per limitare danni sanitari gravissimi derivanti da questo improvviso esodo.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome