FRANCESCO BERNARDI: DA UNA PASSIONE NASCONO I PIU’ BEI SCATTI AL LUPO MURGIANO

Una macchina fotografica, un paio di scarpe comode ed è pronto per lo scatto perfetto nell’Alta Murgia. Si chiama Francesco Bernardi, ha 35 anni ed è un vero appassionato di fotografia naturalistica.

Il suo nome rimbalza tra i vari giornali locali per aver immortalato la ritrovata libertà dei lupi nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

Tutto nasce dalla passione per la fotografia. “Sin da piccolo sfogliavo i cataloghi, poi, con la prima macchina fotografica in mano, ho iniziato a immortalare principalmente paesaggi naturalistici”.

Escursionista, il ruvese Francesco ha unito, così, la fotografia e la Natura e, in compagnia del suo cane, passeggiata dopo passeggiata, ha incontrato quello che per lui è un dio: il lupo.

“La prima volta che ho fotografato un lupo è stato casuale – racconta – Mentre ero nel Parco ho visto questo animalone correre da destra: non era un cane né una volpe. Capii allora che si trattava di un lupo”.

Gli chiediamo quali emozioni provò e prova tutt’ora quando è vicino a queste creature selvagge e magnifiche. “Non ci sono parole – dice – per me un lupo è un dio; è come avere dinanzi una divinità”. Racconta che tanta era l’emozione e la casualità di quel momento che la sua prima foto a un lupo murgiano era del tutto sfocata e quasi impresentabile.

Da quella volta, Francesco non ha più smesso. Munito di binocolo e macchina fotografica si reca nel Parco dell’Alta Murgia e, a volte per una passeggiata, altre per l’osservazione in luoghi ben specifici, attende lo scatto desiderato.

“Una volta sono rimasto ben 3 ore ad aspettare che passasse un lupo” dice, e noi, curiosi, gli chiediamo: “ma durante questa attesa, cosa si fa?” “Si soffre il freddo – risponde ridendo, e aggiunge – occorre fare molto silenzio perché i lupi al minimo rumore scappano; se vedono qualcosa di strano si allontanano. E allora bisogna tacere, fare pochi movimenti e avere massima attenzione, guardarsi attorno perché potrebbero arrivare da un momento all’altro”.

Ormai sono già sette/otto volte che Francesco è riuscito a fotografare i lupi dell’Alta Murgia. Gli chiediamo se, nonostante questa sia solo una delle sue tante passioni, voglia farla diventare qualcosa di più. “Sono un ragazzo con i piedi per terra – dice – ma comunque sogno di lavorare per progetti ambiziosi e di fare della fotografia naturalistica un piccolo lavoro”.

In copertina, Francesco e il suo cane. Di seguito alcuni dei suoi scatti ai lupi dell’Alta Murgia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Articolo di Ruvesi.it
Fonte foto: Francesco Bernardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: