Home Attualità Famiglie e spese annue: cosa cambierà nel 2020?

Famiglie e spese annue: cosa cambierà nel 2020?

301

L’anno è cominciato da poco, ma le previsioni relative alle spese da sostenere da parte delle famiglie non sono molto positive: l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, basandosi sull’analisi dell’andamento dei prezzi di beni e servizi, ha stimato per il 2020 una spesa di oltre 600 euro in più per ogni famiglia. Approfondiamo quindi i dati a nostra disposizione, tenendo in considerazione anche la possibilità di avvalersi dei bonus sociali previsti per ammortizzare alcune spese.

Gas, RC auto e trasporti in aumento, scende invece l’elettricità

Tra le spese che risulteranno maggiori in questo primo trimestre dell’anno troviamo il gas, che, secondo le previsioni di settore, vedrà un aumento dello 0,8%. Alla base di tale aumento c’è principalmente l’innalzamento delle spese di approvvigionamento della materia prima, oltre alle spese previste per il trasporto e la gestione del contatore.

In controtendenza rispetto alle brutte sorprese dello scorso ottobre, la spesa relativa all’energia elettrica a gennaio sarà minore del 5,4%, per via dell’abbassamento dei prezzi delle materie prime e delle tariffe dei trasporti. Secondo quanto riporta l’Arera, tra aprile 2019 e marzo 2020 una famiglia tipo arriverà a spendere una somma di circa 544 euro.

Tra gli altri aumenti previsti per quest’anno spiccano quelli relativi all’assicurazione auto, ai costi bancari e ai trasporti, che complessivamente andranno ad appesantire la spesa annua di ogni famiglia di circa 277 euro in più.

Come limitare le spese?

Per contrastare gli aumenti previsti per quest’anno e contenere le spese sarà necessario innanzitutto intraprendere dei comportamenti virtuosi in fatto di consumi, facendo un uso oculato delle risorse energetiche in casa e andando a correggere tutte quelle cattive abitudini che, per quanto possano sembrare ininfluenti, possono gonfiare le bollette anche di molto.

Oltre ai doverosi accorgimenti in fatto di consumi, necessari per tenere sotto controllo ogni spesa, è bene agire tempestivamente anche per quanto riguarda il passaggio al mercato libero; quest’ultimo, previsto inizialmente per luglio 2020 e posticipato a gennaio 2022, consente infatti di approfittare delle proposte degli operatori presenti sul mercato e prediligere quelli che, come Acea Energia, prevedono delle promozioni “a pacchetti” per l’energia elettrica e il gas. Naturalmente il confronto sta alla base del risparmio, dunque sta ai consumatori stabilire qual è effettivamente la tariffa più in linea con i loro consumi, a seconda delle abitudini quotidiane di ognuno.

I bonus sociali

Tra le altre novità troviamo anche i bonus sociali previsti per l’energia elettrica, il gas e l’acqua, che per quest’anno dovranno essere richiesti tramite Caf ma che dal primo gennaio 2021 diventeranno automatici, grazie a una specifica convenzione che l’Arera stipulerà con l’Associazione nazionale dei comuni italiani. Tali bonus coinvolgeranno le famiglie a basso reddito rispondenti ad alcuni requisiti specifici.

 

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome