Enoturismo, verso l’istituzione del primo elenco degli operatori regionali

La Puglia è pronta a dotarsi del primo elenco regionale degli operatori che svolgono attività enoturistica. Si tratta di un ulteriore passo importante per il settore del vino pugliese, insieme al quale la Regione Puglia ha inteso condividere proposte di emendamenti alla legge regionale, approvata in Consiglio lo scorso luglio, disciplinante l’enoturismo in Puglia.

“E’ un primo traguardo decisamente condiviso che ci ha consentito di superare le preoccupazioni manifestate dal mondo dell’associazionismo e di rappresentanza del settore del vino”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia, Donato Pentassuglia, a margine dell’incontro di questa mattina convocato per condividere, con le associazioni di categoria agricole e di promozione e tutela del vino pugliese, le proposte di modifica alla legge regionale enoturistica. Alla riunione, tenutasi nella sede dell’Assessorato regionale, ha preso parte, altresì,  il presidente della IV Commissione del Consiglio regionale, Francesco Paolicelli.

“Abbiamo proposto, con il parere positivo dei nostri operatori – ha sottolineato Pentassuglia – alcuni emendamenti a una legge così importante per l’economia della nostra regione e che vanno nella direzione della chiarezza e della semplificazione. Abbiamo difatti definito nel modo più chiaro e corretto quali sono gli operatori autorizzati all’attività enoturistica, esperti in marketing del vino e in ricettività enoturistica. E, in tema di alleggerimento delle procedure, abbiamo proposto che la domanda di iscrizione nell’elenco regionale degli operatori enoturistici debba essere indirizzata solo ed esclusivamente al comune di riferimento, che provvederà a inviare copia ai nostri Uffici regionali una volta accertati i requisiti previsti dalla norma e condizione necessaria per l’inizio dell’attività. Sarà, poi, la Regione la responsabile della tenuta dell’elenco degli operatori autorizzati per legge all’esercizio di attività enoturistiche, quali visite guidate ai vigneti, alle cantine, nei luoghi di produzione e vinificazione. La legge tutela e valorizza un comparto che grazie alla diversificazione dell’attività enologica sviluppa e fa crescere agricoltura e turismo. Per questo motivo vogliamo ci sia piena condivisione di obiettivi e intenti tra istruzioni e operatori per dare sostegno e impulso a un settore in continua crescita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: