Home Palazzo Avitaja EMESSA L’ORDINANZA, MANIFESTO DA RIMUOVERE

EMESSA L’ORDINANZA, MANIFESTO DA RIMUOVERE

Emessa in queste ore l’ordinanza sindacale che ordina alla ditta proprietaria degli impianti pubblicitari di via Pertini e piazza Libertà, e alla ditta responsabile del messaggio pubblicitario la rimozione immediata dei cartelloni e dei manifesti di contenuto sessista, lesivo della dignità delle donne e indecoroso per la città affissi ieri.

L’ordinanza, ex art. 54, comma 4, D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 – “Divieto di esposizione al pubblico di manifesti, locandine e materiale in genere a contenuto osceno a salvaguardia della pubblica decenza e del decoro urbano”, fa riferimento tra l’altro, anche alla “Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza”, che contiene il divieto di divulgazione di immagini offensive del pudore o della pubblica decenza e attribuisce alla autorità locale di pubblica sicurezza il potere di sequestro, oltre che alle “Disposizioni concernenti l’affissione e l’esposizione al pubblico di manifesti, immagini, oggetti contrari al pudore o alla decenza”, che punisce chiunque fabbrica, introduce, affigge o espone in luogo pubblico immagini destinate alla pubblicità che offendono il pudore o la pubblica decenza, considerati secondo la particolare sensibilità dei minori degli anni diciotto e le esigenze della loro tutela morale, consentendone il sequestro ad opera dell’Autorità giudiziaria previa denuncia al Procuratore della Repubblica territorialmente competente.

La mancata rimozione dei manifesti entro le ore 20.00 di oggi comporterà oltre al sequestro degli impianti, anche le sanzioni previste dal codice penale.

LEAVE A REPLY

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome