ECCO LA NUOVA GIUNTA. LE PAROLE DEGLI ASSESSORI

I nomi ci sono, i temi anche: la giunta comunale è completa.

A presentarla è stato lo stesso sindaco di Ruvo di Puglia, Pasquale Chieco, questa mattina nella sala conferenze di Palazzo Caputi. Accanto a sé, tra riconferme e new entry, i volti dei nuovi assessorati.

Questa la composizione:

Antonio Mazzone, Sinistra Ruvese:
AMBIENTE E TERRITORIO
Lavori pubblici, mobilità sostenibile, transizione ecologica e forestazione urbana, sostenibilità
ambientale, beni comuni e patrimonio.

Lucia Di Bisceglie (detta Luciana), Partito Democratico:
LAVORO E ATTIVITA’ PRODUTTIVE
Lavoro, Agricoltura, Imprese e Zona Industriale, Commercio, Polizia Locale e Sicurezza

Domenico Savio Curci (detto Nico), Partito Democratico :
BENESSERE E GIUSTIZIA SOCIALE
Politiche sociali e di inclusione, contrasto alla povertà e politiche abitative

Maria Curci (detta Maria Antoietta), Popolari con Emiliano:
ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA E DIGITALIZZAZIONE
Bilancio e finanze, semplificazione amministrativa, politiche di recupero del centro storico

Monica Filograno:
POLITICHE DI COMUNITÀ
Cultura e Turismo, Scuola, Legalità e Partecipazione, Giovani e Creatività, Sport.

A Monica Filograno anche l’incarico di vicesindaca, ruolo che sceglie di dedicare all’impegno della sua predecessora, Monica Montaruli.

Una giunta rosa per la maggiore con deleghe varie e importanti. Alcune se l’è riservate Pasquale Chieco. Il sindaco ha infatti tenuto per sé le deleghe all’ Urbanistica, Risorse Umane e Organizzazione, Appalti e Contratti, Società partecipate e Associazioni, Contenzioso, Igiene Pubblica e Ciclo dei rifiuti urbani – Protezione Civile.

“Questa presenza numerosa è motivo per darci una spinta iniziale – dice il primo cittadino e ringrazia la precedente giunta tecnica – Oggi siamo a un cambio importante con una giunta tutta politica“.

Parla dei temi discussi a tavolino con i cinque nuovi assessori: dal rapporto stretto con i cittadini allo sviluppo, dunque, di una cittadinanza attiva. Occhio di riguardo è emerso anche per l‘inclusione e le politiche giovanili su insegnamento del compianto Guglielmo Minervini. “Obbiettivo – dice – è tenerci molto vicini alla città”.

Punto di riferimento per l’azione dei cinque anni seguenti è il programma definito da inizio campagna elettorale” dice Chieco, lasciando la parola agli assessori.

Antonio Mazzone

Un emozionato Antonio Mazzone parte dall’inizio, ricordando la campagna elettorale “che – dice – abbiamo vinto per presenza di contenuti e senza alcun accordo a ribasso”. Il suo è un incarico dedicato al grande tema ambientale, tanto discusso negli incontri cittadini. Parla di lotta ai cambiamenti climatici: “Non si può parlare di sostenibilità ambientale se non si piantano alberi, se non fai una mobilità sostenibile, se non modifichi le strategie dei lavori pubblici – dice – Il mio principio guida é la condivisione delle azioni con la cittadinanza. Bacchettatemi se non lo dovessi più fare”.

Alla fine ringrazia il partito di Sinistra Ruvese di cui fa parte. “È un risultato collettivo: rappresento l’assessorato ma noi tutti siamo assessori“.

Luciana Di Bisceglie

Anche quella di Luciana Di Bisceglie, la più suffragata alle scorse elezioni nel PD, è una riconferma e per questo ringrazia il partito e lo stesso Pasquale Chieco. Quelli di sua competenza, in continuità con lo stesso assessorato che ha portato avanti nella precedente amministrazione, sono temi forti che sostiene di cavalcare insieme agli altri assessorati.

Conclude: “Sono a disposizione per la città con l’umiltà che, chi mi conosce sa, mi contraddistingue“.

Nico Curci

New entry indiscussa è Nico Curci del Partito Democratico che porta avanti parte del lavoro di Monica Montaruli con la quale dice di aver avviato già un’interazione.

“Sto ancora elaborando” dice contento e propositivo per questa sua nuova avventura politica. Ricorda le sue esperienze passate come il primo sportello per l’immigrazione istituito nel 2000, quando questo tema era ancora lontano dalla sensibilità di molti.

Poi il reddito di cittadinanza. “Io sono favorevole – dice – ma è chiaro che il compito dell’amministrazione non è solo erogarlo ma accompagnare i suoi beneficiari verso il lavoro”.

Monica Filograno

“Ringraziare desidero il sindaco, la coalizione di centro sinistra, gli uffici ai quali annuncio come minaccia positiva che sto tornando, la mia famiglia di origine, la città di Ruvo di Puglia, bella e ruvida, luminosa e difficile, una città dove penso sia arrivato il tempo di trasferirmi”. Esordisce così Monica Filograno, altra importante rinnovata fiducia di questa amministrazione.

Riparto con la passione e il carico di esperienze – sostiene – Tanti progetti da riprendere, nuove criticità e sogni da sostenere. Il sogno è quello di vedere i giovani come protagonisti dei processi amministrativi” e cita il Forum Giovani nelle figure di Fatma Dakir e Monica Tedone, segretarie del progetto.

Molte le iniziative nominate: dalla prossima Sagra del Cardoncello a Luci e Suoni D’artista, presenti pur con i brevi tempi di organizzazione, insieme all’illuminazione dei privati. Poi il 2022 con la primavera e, dunque, la Settimana Santa e la collaborazione con le confraternite, il Maggio Sportivo. “Riprenderemo dialoghi spezzati e interrotti: non lo abbiamo voluto noi; ci dedicheremo alla cura di queste fratture“.

Parla della delega alla partecipazione e dice: “Il comune siamo tutti quanti noi – e conclude – Fare e raccontare è importante perché la città sia sempre migliore“.

Maria Antonietta Curci

“In questa squadra sono la neofita della politica” dice Maria Curci, ringraziando il suo partito Popolari con Emiliano che “per la prima volta – dice – si è affacciato a una competizione per cui abbiamo voluto crescere insieme”.

“Trenta anni di esperienza nei lavori pubblici mi danno ora la competenza di entrare nelle deleghe e negli ambiti di governo legati agli altri assessorati”. Parla della continuità con Rocco Marone, precedente assessore al bilancio, che ha il merito di averlo consolidato.

Poi la delega per il centro storico. “Ne abbiamo parlato tanto – dice –  è uno dei punti su cui guardiamo per il futuro – e, per in merito alla digitalizzazione: – Dobbiamo costruire la nostra smart city facendo attenzione a non lasciare il cittadino non all’avanguardia indietro. Come? Tramite l’istituzione di sportelli”.

Insomma, una squadra che si è mostrata emozionata o, come ha sottolineato Pasquale Chieco in conclusione, “una squadra di alto livello qualitativo con tanta voglia di mettersi in azione”.

Prossimo passo sarà il primo Consiglio Comunale, occasione per la quale Chieco ha intenzione di affidare alcune deleghe specifiche ai consiglieri di maggioranza. Una di esse, quella alla salute, anticipata questa stessa mattina, nella persona del dott. Giuseppe Caldarola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: