Home Religione “E STATE IN PERIFERIA”, GIOVEDI’ LA PROIEZIONE DI “MIO FIGLIO E’ L’ALBERO”...

“E STATE IN PERIFERIA”, GIOVEDI’ LA PROIEZIONE DI “MIO FIGLIO E’ L’ALBERO” E “FIGLI DI MADRE TERRA”

328

Anche la parrocchia San Giacomo Apostolo si mette in gioco nel percorso
“E state in periferia”, proposta che il Coordinamento cittadino di Azione Cattolica offre alla città di Ruvo di Puglia quale occasione di incontro e confronto culturale.


Dopo la prima, presso la parrocchia S. Lucia, dove il Prof. Michele Illiceto ha presentato il suo libro Parola di donna. La figura di Maria in don Tonino Bello (ed. la meridiana), giovedì 9 luglio, ore 20,30 sul piazzale retrostante la parrocchia S. Giacomo Apostolo, si parlerà di ambiente ispirati dall’enciclica Laudato si’, di Papa Francesco, a partire da due cortometraggi: Mio figlio è l’albero e Figli di Madre Terra, cui seguirà il cineforum a cura di Michele Pinto, regista e montatore, Francesco Martinelli, sceneggiatore e interprete, e Raffaella Leone, p.r. Casa Editrice SEC0P Edizioni.

Mio figlio è l’albero (2008), prodotto da Secop, diretto da Michele Pinto, scritto e interpretato da Francesco Martinelli, è stato presentato in anteprima nazionale dalla giornalista Livia Azzariti, in occasione della Mostra di Arte Contemporanea intitolata “Fratello Ambiente, Sorella Arte”, totalmente privo di dialoghi e affida la narrazione alle sole immagini. Girato fra Corato, Bari, Termoli, Roma e Milano, il corto è una favola di speranza e di sensibilizzazione allo sviluppo sostenibile e all’attenzione nei confronti dell’ambiente e narra l’odissea di un uomo visionario in cerca di un futuro per il proprio figlio, un piccolo alberello la cui stessa esistenza è minacciata dalla forsennata cementificazione delle aree verdi.

Figli di Madre Terra (2016), prodotto da Morpheus Ego e Teatro delle Molliche, con il patrocinio di Unapol nazionale e Legambiente Puglia, è un corto con la regia di Michele Pinto, scritto e interpretato anch’esso dal coratino Francesco Martinelli e si avvale esclusivamente da artisti baresi come Libera MartignettiSara Matarrese, il piccolo Emanuele Karol Martinelli e la partecipazione straordinaria di Alberto Rubini. Girato in Salento, nelle aree più colpite dalla Xylella, partendo dai fatti di cronaca, il progetto rappresenta un percorso di ricerca e analisi e nasce dalla ferrea volontà di dare un contributo artistico di sensibilizzazione su quello che rappresenta un problema, non geolocalizzato, che affligge duramente i secolari e maestosi testimoni della storia della Puglia.

Le conclusioni saranno affidate al parroco don Gianni Rafanelli.

L’appuntamento si svolgerà nel rispetto delle norme per il distanziamento fisico.
La partecipazione è libera.

Il coordinamento cittadino di AC

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome