Home Attualità Crea3D e il dott. Di Cosola insieme per la chirurgia maxillo-facciale e...

Crea3D e il dott. Di Cosola insieme per la chirurgia maxillo-facciale e l’implantologia

471

Supporto al caso studio di cisti mascellare invasiva in collaborazione con lo specialista in odontoiatria Dott. Michele Di Cosola presso la struttura d’eccellenza Villa Pompea di Bari.


Come l’innovazione sta migliorando l’approccio lavorativo e le metodologie tradizionali per il trattamento di casi complessi?

Stiamo notando ormai come negli ultimi anni le tecnologie 3D stiano entrando prepotentemente nel settore medicale. Le tecniche innovative migliorano notevolmente il lavoro degli specialisti dell’ambito, offrendo soluzioni sempre più veloci ed efficienti. Quasi sempre gli specialisti chirurghi si trovano davanti a casi studio nuovi e complessi, che rappresentano delle vere e proprie sfide ogni volta che varcano la soglia della sala operatoria.

La preparazione all’intervento per l’operatore medico rappresenta una fase chiave che può alleggerire notevolmente, in termini di tempistiche e affaticamento, la fase decisiva di azione diretta sul distretto anatomico. Molto spesso le analisi e lo studio del caso clinico effettuato sulle immagini TAC prima dell’intervento non bastano, poiché offrono una visualizzazione limitata al 2D.

La panoramica del distretto e i dettagli sulla posizione e le dimensioni di una lesione risultano limitati, e ciò comporta che durante l’azione diretta sulla zona e sul tessuto l’operatore si possa trovare davanti una situazione imprevista lontana dalle sue previsioni, con conseguenze che potrebbero comportare disagio per il paziente e per il chirurgo stesso, con l’allungamento dei tempi di intervento.

Le tecnologie 3D possono migliorare notevolmente tutte le fasi pre/post operatorie apportando benefici e vantaggi sempre più apprezzati.

L’utilizzo di strumenti sempre più aggiornati e specifici per il settore hanno semplificato le modalità di approccio alla preparazione all’intervento. Il chirurgo, grazie al modello 3D fisico, riesce a mettere a proprio agio e semplificare la spiegazione al paziente circa le modalità adottate in sala, programmando tutti i passaggi di accesso e trattamento della situazione in esame. Tutto il flusso di lavoro quotidiano all’interno della struttura ospedaliera risulterà più snello e ottimizzato grazie alla riduzione delle tempistiche di occupazione della sala operatoria.

L’attenzione al dettaglio garantita dalla stampa 3D risulta particolarmente necessaria in ambiti chirurgici come il settore maxillo-facciale.

Il team di CreaMED si è occupato di un caso studio in collaborazione con il Dott. Di Cosola, chirurgo maxillo-facciale e rinomato specialista nel settore: paziente con cisti mascellare, caso unico e specifico, per il quale il dottore ha scelto di pianificare un trattamento operatorio studiato nei minimi dettagli, essendo la zona anatomica interessata particolarmente delicata.

Grazie a specifici software progettati per la ricostruzione di distretti anatomici da immagini TAC, con algoritmi basati sulla segmentazione delle immagini, ci si è focalizzati sulla zona ossea mascellare e del palato interessata dalla lesione. Una volta ottenuto il modello 3D virtuale questo è stato preparato per la stampa 3D, scegliendo una tecnologia di stampa a resina (DLP) che garantisce sicurezza in termini di precisione fino al centesimo.

Il chirurgo ha apprezzato particolarmente la fedeltà nei dettagli anatomici del modello fino ai residui ossei della zona corticale mascellare erosa dalla cisti. Prima di entrare in sala il dottore ha tranquillizzato il paziente spiegando la complicanza anatomica e la procedura chirurgica adottata, aiutandosi con il modello.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome