Religione

Coronavirus: nota del direttore dell’Ufficio diocesano pastorale della salute Cives

Stiamo vivendo giorni di grande incertezza e preoccupazione a causa di un nemico invisibile e apparentemente lontano da noi: il coronavirus. Piombato all’improvviso a sconvolgere le nostre certezze, questo ospite indesiderato sta creando paura e terrore, orrore e panico per la velocità con cui si trasmette e per la violenza con cui colpisce.
Un bollettino giornaliero ci informa del numero di decessi e dei contagiati sempre in aumento, con notizie spesso contraddittorie e fuorvianti. Non ci sono allo stato attuale né terapie efficaci né vaccini capaci di isolare il virus e frenare un’epidemia diventata mondiale.
Il COVID-19 ( questo il nome assegnato al coronavirus cinese) si trasmetterebbe soprattutto per via aerea e resterebbe attivo sulle superfici solide per circa nove giorni. Tuttavia la trasmissione da temere è quella respiratoria, non quella da superfici contaminate. È bene ricordare che il contagio si combatte con la corretta igiene delle superfici e delle mani. Per la pulizia delle superfici è sufficiente utilizzare alcol al 75% e candeggina. Il lavaggio delle mani resta la misura più importante per prevenire le infezioni. Bisogna lavarsi spesso con acqua e sapone e per almeno 20 secondi. In mancanza di acqua e sapone, si può usare un disinfettante comune contenente alcol almeno al 60%.
Il virus entra nel corpo attraverso il naso, la bocca e gli occhi che quindi non vanno toccati con mani non opportunamente lavate. Per prevenire il COVID-19 (che sta per COronavisus Virus Desease, malattia, 19 anno di individuazione, 2019 appunto) le mascherine non sarebbero particolarmente utili. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità ha senso indossarle se: 1) si hanno sintomi di malattie respiratorie come tosse o difficoltà a respirare; 2) se si sta prestando assistenza in qualità di operatore sanitario o no a persone con sintomi di malattia respiratoria. Non serve invece per la popolazione generale in assenza di sintomi di malattie respiratorie. Febbre e congiuntivite sono i primi sintomi dell’infezione seguiti da tosse e dispnea con difficoltà respiratorie. Il primo cinese infettato dal virus all’inizio di dicembre 2019, contrariamente a quanto si è detto inizialmente, abitava lontano dal mercato di animali della città di WUHAN e a dare il via all’infezione non sarebbero stati i pipistrelli selvatici in vendita nel locale mercato ittico.
Senza cedere a facili complottismi, non si possono non rilevare i tanti dubbi che circolano negli ambienti scientifici. Due ricercatori cinesi poi, prendendo in considerazione l’area in cui è scoppiata l’epidemia e le caratteristiche note del virus, affermano che è pensabile, se non probabile, che il virus arrivi da uno dei due laboratori presenti nell’area. Sarebbe cioè frutto di ricerche segretissime per la costruzione di armi biologiche capaci di drammatiche infestazioni delle persone e di notevoli danni alle economie dei paesi colpiti. Dio non voglia che questa sia la verità! Sarebbe l’ennesima follia di chi mira alla distruzione del nostro mondo e contro la quale, specie se credenti, dobbiamo impegnarci.
Il grande poeta latino Ovidio ci ammonisce così: ” Vedo ciò che è meglio e lo approvo, ma continuo a fare ciò che è peggio!”.

dott. Mimmo Cives
Direttore Ufficio Pastorale della Salute Diocesi Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi