Home Palazzo Avitaja CONTRASTO ALLA MARGINALIZZAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL DECORO URBANO E AMBIENTALE: IL COMUNE...

CONTRASTO ALLA MARGINALIZZAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL DECORO URBANO E AMBIENTALE: IL COMUNE PRESENTA TRE PROGETTI

301

I progetti di tre opere pubbliche presenti nella programmazione annuale e triennale del Comune di Ruvo di Puglia sono stati candidati al contributo ministeriale nell’ambito del programma “Assegnazione ai Comuni di contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale”. Lo ha disposto nei giorni scorsi la giunta comunale.

I contributi possono finanziare la manutenzione per il riuso e la rifunzionalizzazione di aree e strutture pubbliche, il miglioramento del decoro urbano e ambientale e il sostegno alla mobilità sostenibile.

I tre progetti candidati dal Comune poiché già programmati e rispondenti a questi requisiti sono:

  • L’efficientamento energetico di “Palazzo Chieco” (l’immobile che attualmente ospita il comando dei vigili), per un importo di 990.550 euro;
  • Un intervento di riqualificazione, valorizzazione, fruizione e gestione dell’ex convento dei Cappuccini, per un importo di 2.500.000 euro;
  • L’infrastrutturazione, la rigenerazione e la riqualificazione di “Corso Antonio Jatta”, lo storico viale di accesso al centro abitato, al fine di attrezzarlo con strutture dedicate alla mobilità lenta e sostenibile, per un importo di 1.300.000 euro.

Per questi tre progetti il contributo richiesto è di 4.790.550 euro.

Il sindaco Pasquale Chieco ha commentato così il provvedimento: “Recupero degli attrattori culturali come volano per lo sviluppo economico e turistico della città, attenzione al risparmio energetico, mobilità lenta e sostenibile per migliorare la qualità della vita e ridurre l’inquinamento: certo, siamo ancora in fase di candidatura, ma i tre progetti per i quali abbiamo chiesto il contributo ministeriale rappresentano bene alcuni dei punti fondamentali che hanno ispirato il nostro lavoro di questi anni e non è un caso che siano tutti e tre già compresi nella nostra programmazione pluriennale.

Già in passato la nostra capacità di programmare con anticipo interventi importanti in attesa di opportunità di finanziamento coerenti ha dato frutti positivi sia sotto il profilo delle realizzazioni dandoci le risorse per rendere concrete le nostre idee, che in termini di ricadute sui nostri conti pubblici e sull’economia cittadina.

Se queste candidature dovessero andare a buon fine avremo la possibilità di rendere la nostra città ancora più bella e moderna. Incrociamo le dita.”

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome