Home Palazzo Avitaja COME AL SUPERMERCATO: SE DIFFERENZI, TI DANNO I PUNTI!

COME AL SUPERMERCATO: SE DIFFERENZI, TI DANNO I PUNTI!

1894

Come al supermercato: se differenzi, ti danno i punti!

E’ l’ultima iniziativa partorita per dare il “la” alla raccolta differenziata che non è ancora entrata nelle abitudini dei ruvesi. L’iniziativa “Diamo un peso ai tuoi rifiuti” è stata voluta fortemente da ASIPU e Assessorato all’ambiente del Comune di Ruvo, ed è iniziata martedì 7 luglio per terminare lunedì 29 febbraio 2016.

Ma siamo sicuri che i nostri concittadini abbiano bisogno di un’iniziativa del genere per imparare a differenziare i propri rifiuti? Sicuramente è un discorso di senso civico che dovrebbe aumentare in tutti noi, di informazione, ma è opportuno chiedersi se i cittadini sono messi nelle condizioni idonee per differenziare. Ad esempio, parliamo di pulizia dei bidoncini, se essi vengono svuotati regolarmente.

E al cittadino corretto che dinnanzi al proprio appartamento svolge regolarmente la differenziata, “i punti” li troverà trasformati in euro… da pagare, nella prossima bolletta dei rifiuti.

Vediamo di cosa si tratta.

In una nota diffusa dal Comune di Ruvo di Puglia si afferma che i cittadini ruvesi dovranno conferire i rifiuti accuratamente differenziati, puliti e privi di impurità, dal lunedì al sabato la mattina dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00 presso il centro di raccolta di via Guido Rossa, oppure la mattina dalle 8.30 alle 12.30 presso il CAM, il Centro Ambientale Mobile dell’ASIPU, che si posizionerà tutti i martedì in Piazza Matteotti, tutti i mercoledì in piazza Dante, tutti i giovedì in piazza Marconi, tutti i venerdì in Piazza Bovio e tutti i sabati in Via Paisiello in zona mercato.

Ogni cittadino riceverà 15 punti per ogni chilo di vetro; 20 punti per ogni chilo di carta; 25 punti per ogni chilo di plastica e 40 punti per ogni chilo di alluminio. I punti verranno raccolti su una tessera personalizzata.

I tre cittadini che entro la fine di febbraio avranno accumulato il maggior numero di punti, otterranno buoni spesa per 500 euro (al primo), 300 euro (al secondo) e 200 euro (al terzo). Tra coloro che invece, durante l’anno, avranno conferito rifiuti con una frequenza almeno quindicinale, verranno sorteggiate quattro biciclette e tre dotazioni di lampade a led a basso consumo energetico.

 

1 COMMENTO

  1. Personalmente, ritengo che la raccolta differenziata vada fatta per mero senso civico, non per spuntare un risibile premiuccio finale. Ma, in assenza della suddetta materia prima (il senso civico), lo zuccherino per persuadere il puledro riottoso a trottare dritto può anche starci.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome