CLIMA: 2016 ANNO PIU' CALDO DI SEMPRE SECONDO NAZIONI UNITE; DRAMMATICI EFFETTI SUI CAMPI

Il 2016 sta per essere qualificato l’anno più caldo della storia del pianeta, secondo i dati diffusi oggi dall’agenzia meteorologica delle Nazioni Unite, la WMO. Già il 2015 era stato l’anno più caldo di sempre. Secondo la WMO la temperatura globale nel 2016 è di 1,2 gradi superiore ai livelli pre-industriali.

Drammatici gli effetti sui campi della tropicalizzazione del tempo che hanno azzerato la campagna delle ciliegie a maggio, quella dell’uva da tavola da settembre ad oggi, per non parlare del rischio che andasse persa la produzione di uva da vino. I continui sbalzi termici non giovano certamente al settore agricolo. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a caldo fuori stagione.

“Devastanti gli effetti in campagna – dice il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – con il caso emblematico delle ciliegie in provincia di Bari, una produzione andata letteralmente in fumo a causa di alluvioni e grandinate, così come risulta decimata la produzione di uva da tavola. Non è certamente andata meglio agli asparagi e ai vigneti, colpiti da nubifragi e per tre volte da grandinate di intensità sempre maggiore, con l’aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Di fronte al ripetersi di queste situazioni imprevedibili diventa sempre più importante il ricorso all’assicurazione quale strumento per la migliore gestione del rischio e la necessaria rivisitazione delle provvidenze da riconoscere in caso di calamità naturali”.

“D’altro canto il clima impazzito, ormai una costante in Puglia, determina la maturazione precoce dei prodotti agricoli – aggiunge il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – come mandorli e peschi in fiore a febbraio, mimose già pronte a dicembre e a gennaio, maturazione contemporanea degli ortaggi in autunno. Il caldo anomalo e le precipitazioni violente rischiano ormai ogni anno di incrinare l’andamento del settore agricolo pugliese. L’andamento climatico impazzito, poi, si abbatte su un territorio fragile, dove 232 comuni su 258 (78%) è a rischio idrogeologico con diversa pericolosità idraulica e/o geomorfologica.  Sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni.”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: