CALENDARIO DI ISTITUTO 2022, “WE CARE” E’ L’INVITO DEGLI STUDENTI DEL TEDONE A PRENDERSI CURA DEGLI ALTRI

Un anno da archiviare, quello appena trascorso. Ancora travolto dagli incubi della pandemia. Eppure, come scrive il poeta e cantautore Leonard Cohen: “C’è una crepa in ogni cosa, è da lì che entra la luce”.

E le studentesse e gli studenti del Liceo Tedone, sapientemente guidati dalla prof.ssa Francesca Sparapano, referente del progetto PON “Riconnettiamoci in presenza” Progettiamo il calendario di Istituto 2022, hanno provato a varcare quella crepa per andare incontro alla luce e farsi cercatori di bellezza affidandosi alla profondità del pensiero di Don Milani.

Prendersi cura degli altri – scrivono le studentesse e gli studenti che hanno curato la redazione del calendario di Istituto 2022 – è un atto di umile e spontaneo eroismo, ma anche occasione preziosa per imparare a vivere intensamente. La nostra esistenza può essere paragonata alle montagne russe: un continuo susseguirsi di alti e bassi, tra momenti di intensa complessità ed altri di piacevole spensieratezza, tra faticose salite ed inevitabili discese. 

Talvolta, tuttavia, ci può capitare di sprofondare in un baratro così sconfinato ed oscuro da abbatterci e gettarci nello sconforto tanto da credere di non poterne uscire. Eppure, quando i nostri occhi risultano annebbiati da nuvole tetre e cupe che ostacolano la nostra vista, potrebbe arrivare qualcuno. 

Qualcuno disposto a tendere una mano, a donarci uno sguardo, ad aiutarci a risalire dall’ingannevole fondale in cui stiamo sprofondando. Qualcuno pronto a condividere l’insormontabile peso di discriminazioni, pregiudizi e negatività che ci opprimono come sbarre di una cella. Può trattarsi anche di un piccolo gesto, banale ma salvifico, capace di custodire l’infinito. Sarà un salvagente per chi sta affogando, un paracadute per chi sta precipitando, un focolare per chi sta gelando. Occorre, tuttavia, essere disposti ad affidarsi agli sguardi che curano, ai sorrisi che riscaldano, a mani laboriose desiderose di aiutarci a incollare tutti quei fragili cocci dello specchio della nostra vita in frantumi, mani salde capaci di sostenerci nel risalire a galla verso la luce. 

Prendersi cura di sé e prendersi cura degli altri può davvero stravolgere la vita di chi accetta umilmente di farlo. Sia di chi dà sia di chi riceve. 

Il nostro augurio è quello di imparare ad avere sete degli altri ogni giorno, imparare a guardarci con occhi nuovi, seguendo il monito di don Milani “I care” (mi stai a cuore) che oggi trasformiamo in “We care”. Noi ci prendiamo cura. Noi abbiamo a cuore. Noi stessi e tutti gli altri.

Rivolgo alle studentesse e agli studenti, alle docenti e ai docenti, ai genitori e a tutta la comunità – conclude la dirigente scolastica, prof.ssa Domenica Loiudice – l’augurio di vivere un tempo in cui imparare a coltivare l’umanità, prendendosi cura gli uni degli altri e ad accettando le proprie crepe, perché è da lì che si può scorgere la fragile bellezza della nostra luce”.

Le studentesse e gli studenti delle classi 4^B, 4^D, 4^H, 4^L, 5^B, 5^E, 5^G, 5^H, 5^L, sentinelle di bellezza del Liceo Tedone e artefici del Calendario di Istituto 2022. Progetto grafico a cura di Felice Elia Bucci (4^H) e Sabrina Maria Damasco (5^G)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: