Home Attualità Boom di imprese 'giovani', 300 al giorno aperte da under 35 tra...

Boom di imprese 'giovani', 300 al giorno aperte da under 35 tra aprile e giugno

869

Giovani in cerca di occupazione e giovani che l’occupazione la creano da soli, aprendo un’impresa. Sembra questo lo scenario che emerge nel secondo trimestre dell’anno tra la speranza dei più che la ripresa dell’economia finalmente si consolidi, riprendendo a produrre opportunità di lavoro, e la voglia di tanti altri di dare corpo ad un’idea diventando imprenditori di se stessi. Questa la foto aggiornata sull’imprenditoria giovanile che emerge da Movimprese, l’indagine trimestrale condotta da Unioncamere-Infocamere sulla base del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio.
Tra aprile e giugno le nuove imprese aperte da giovani con meno di 35 anni di età sono state quasi 32mila, in media 300 al giorno, pari ad un terzo di tutte le aperture di nuove imprese nel trimestre. E, tra l’altro 4 imprese su 10 sono state aperte al Sud. Al netto delle chiusure rilevate nello stesso periodo (circa 11mila), l’esercito delle imprese giovanili nel secondo trimestre dell’anno si è dunque arricchito di oltre 20mila unità, arrivando a sfiorare il valore di 600mila aziende.
In termini assoluti il contributo che i giovani hanno dato alla crescita della base imprenditoriale, tra aprile e giugno, è stato del 54% (a tanto ammonta la quota di imprese “under 35” rispetto al saldo trimestrale complessivo). Un contributo che appare ancora più significativo se si guarda alla sua intensità: il tasso di crescita trimestrale dell’imprenditoria giovanile, infatti, ha messo a segno un +3,6% a fronte dello 0.6% del complesso delle imprese.
Prevalgono le micro-iniziative, infatti nel 76% dei casi le neo-imprese giovanili nascono nella forma di impresa individuale e dalla quota con sede al Sud: le nuove iniziative dei giovani meridionali rappresentano infatti il 40,6% del totale delle nuove imprese in quell’area del paese, con punte superiori o vicine a questa quota in Calabria, Campania e Sicilia. Un primato, quello dell’imprenditorialità dei giovani del Mezzogiorno, che viene confermato se si osserva l’incidenza di nuove imprese giovanili sulla popolazione di persone con meno di 35 anni residenti nelle regioni italiane.
In valore assoluto, i settori in cui i giovani hanno scelto di puntare sono stati il commercio (oltre 6.500 le imprese in più nel trimestre), i servizi di alloggio e ristorazione (+2.800) e le costruzioni (+2.300). Inoltre, dai dati emerge che L’Aquila, Crotone e Vibo Valentia sono le province con più imprenditori “in erba”.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome