Home Attualità "AVVELENATI DUE RANDAGI NEL TERRITORIO DI CALENTANO"

"AVVELENATI DUE RANDAGI NEL TERRITORIO DI CALENTANO"

1321

Ci è stato segnalato attraverso l’applicazione “WhatsApp” al numero 377 1446838, quanto segue:


“Tra domenica e lunedì hanno avvelenato due randagi che accudivo nel territorio di Calentano (Ruvo di Puglia) su un terreno di nostra proprietà.
Ringrazio la Guardia Forestale della stazione di Ruvo (dove ho regolarmente sporto denuncia) ed il Dottor Coppola (veterinario ASL) per il celere intervento sul luogo dell’accaduto. Erano due dolcissimi meticci che non recavano fastidio a nessuno di nome Cucciolo due e Lupetto. Fortunatamente si è salvata Principessa, una splendida cagnolina bianca.
E’ la seconda volta che avviene una cosa del genere, la prima volta è stata nel 2008 con l’avvelenamento di altri due cani di mia proprietà nel recinto da me costruito per loro. Allego le foto di Cucciolo due, dei tre insieme e di Lupetto adesso.
Auguro alla belva umana anzi disumana che ha compiuto questo atto di non scoprirlo mai……”.

1 COMMENTO

  1. Miki scrive:Il Sindaco non ha mica detto che non si da’ da mnigaare ai cani in assoluto. Ha detto che non si da’ da mnigaare PER STRADA per motivi sanitari. Perche’ non venite voi a vedere la sporcizia creata per dar da mnigaare ai cani in questione? perche’ non venite a parlare con la mamma di una bimba neonata che si e’ ritrovata il cane randagio in auto? perche’ non venite a vedere la pericolosita’ della presenza dei randagi nella zona dell’oratorio frequentata da decine di bambini?Il linguaggio volgare e violentemente aggressivo di chi ha come fede religiosa l’animalismo, e che sta’ inondando di ingiurie una persona senza nemmeno conoscerla, mi fa ribrezzo. Anche se non lo condivido, capisco il pensiero di coloro che dicono che avete piu’ a cuore gli animali che le persone.Volevo mettervi al corrente che il piccolo comune di Binetto, piccolo anche nel suo bilancio :-paga annualmente e vita natural durante, 6 cani custoditi presso un canile;il loro costo singolo e’ di circa 1100 euro all’anno;- questo sindaco ha ordinato ai vigili urbani di andare a controllare una volta al mese le condizioni di mantenimento dei cani ricoverati nel canile;-nell’ordinanza c’e’ scritto che chiunque avvista un randagio e’ obbligato a segnalarlo al Comune che se ne prendera’ cura a dimostrazione che non si vuole la morte degli animali ma al contrario il loro mantenimento in salute;-questo sindaco un mese fa’ ha chiamato sul cellulare una ragazza animalista della zona, dopo aver saputo che un randagio era stato investito da un’auto per le vie di campagna, e oltre ad accertarsi delle condizioni dell’animale le anche assicurato la disponibilita’ del comune ad accollarsi parte delle spese per il ricovero;-diversi componenti della giunta comunale sono proprietari di cani ed un assessore per intimidazine gli e’ stato avvelenato il cane nel giardino di casa;-il cane randagio che ha dato origine all’ordinanza abbaia continuamente, soprattutto di notte, impedendo alla gente del quartiere di riposare in santa pace e di lavorare serenamente il giorno successivo;-questo sindaco nei primi mesi di insediamento si e’ fatto promotore presso il sindaco del limitrofo paese di Grumo Appula della messa a nuovo ed affidamento di un canile abbandonato presente in paese;-questa giunta comunale ha intenzione a breve di promuovere una iniziativa per l’affidamento in adozione dei cani- .e tante altre cose vorrei dirvi per farvi capire che il vostro parlare e’ stato del tutto affrettato e mancante di approfondimento.Soprattutto, ripeto, mi fa’ ribrezzo quanta volgarita’ e quanta maleducazione c’e’ nelle mail e nei commenti rivolti ad un sindaco che compie il suo dovere gratuitamente, ad un sindaco che ha cercato prima di tutto di salvaguardare la vita delle Persone (i bambini che corrono il rischio di essere morsi o di beccarsi una malattia o di essere mordi da un roditore attratto dal cibo abbandonato per strada). Voglio proprio vedere se quel cane avesse azzannato un bambino o una persona che cosa sarebbe successo al Sindaco.Certo c’era da aspettarsi una organizzata e pompata reazione mediatica, pero’ del tutto fuoriluogo e non vera rispetto a quanto accaduto in Binetto dove, dal Sindaco in primis, agli animali ci teniamo.In ultimo voglio dirvi che, per regolamento, ad una Persona indigente e senza lavoro, che deve campare una famiglia il comune di Binetto puo’ dare massimo 100 euro all’anno ben 11 volte in meno rispetto a quanto paga per mantenere un cane.PER FAVORE, PRIMA DI SCATERARE L’IRA MEDIATICA E GLI INSULTI SU UNA PERSONA CHE UMILMENTE METTE A IL SUO TEMPO A DISPOSIZIONE DELLA COLLETTIVITA’, FINO A DISTRUGGERLA SENZA PIETA’, INFORMATEVI BENE.

Lascia una risposta:

Per favore inserisci il tuo commento!
Il tuo nome