AVVELENAMENTO SERIALE DI ALANI, SCATTA L’ALLARME

È il secondo episodio di avvelenamento che l’allevatore amatoriale di Alani, Carmine Di Terlizzi, subisce nel breve termine in casa sua, nei pressi di villa Girone a Ruvo di Puglia.

È morto il giorno di Santo Stefano il gigante buono dal mantello fulvo, Brad, 7 anni e settanta chili di puro amore.
La sua colpa? Aver ceduto a quell’appetitoso boccone di carne contaminato da topicida che un killer senza cuore ha lanciato nella proprietà privata del Sig. Di Terlizzi. È stato Brad il più sfortunato, tra gli otto dell’allevamento, ad arrivare per primo a quel morso che a lui sarà sembrato un ambito premio, pagato, poi, a caro prezzo con la sua giovane vita.
Assolutamente vani sono stati i tentativi del proprietario di scongiurare il peggio con la somministrazione, a cura del veterinario Roberto Gramegna, di terapie mirate. Nulla è servito!

Dopo dieci giorni di agonia, il veleno ha lentamente dilaniato gli organi vitali (cuore, reni e fegato) della povera bestia.
Quella figura  imponente e piena di sé del fiero Brad, solo un lontano ricordo! Inerte sul pavimento, negli ultimi istanti di vita, riusciva a malapena, come gesto estremo e straziante, a sollevare la zampa alla voce del padrone in cerca di aiuto.
Ho veramente fatto l’inimmaginabile per salvare il mio amico” – racconta il Sig. Di Terlizzi. “Non ce l’ho fatta e ora vivo un lutto tremendo. Non so chi mi voglia così male, ma mi ha ferito nel profondo, perché i miei cani sono tutto il mio mondo!“.

Stessa identica sorte è toccata, 40 giorni prima, a Shakira, un altro Alano fulvo di soli 4 anni, sempre di proprietà del Sig. Di Terlizzi, che come Brad ha rincorso ignaro quel pezzo di carne avvelenato.

I due tragici episodi così ravvicinati riaccendono i riflettori su un annoso problema che non va assolutamente sottovalutato: la violenza sugli animali.

Su Facebook non mancano, oltre alle parole di conforto nei confronti del proprietario dei due sfortunati cani, abbondanti vocaboli poco lusinghieri verso chi, per odio o per sadico divertimento, compie atti così deplorevoli a danno dei nostri amici domestici.

È bene ricordare a tal proposito che il nostro ordinamento punisce in maniera decisa l’autore di maltrattamenti o dell’uccisione di animali. Ai sensi dell’articolo 544-bis del nostro c.p., infatti, “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi“.

L’invito, rivolto ai proprietari delle vittime di simili crudeltà, è di denunciare l’accaduto, oltre che sui social network, in primis alle preposte autorità sì da scoraggiare il ripetersi seriale di casi così tristi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: