AL VIA I RITI QUARESIMALI: STASERA L’ADORAZIONE DELLA CROCE

Con il Mercoledi’ delle Ceneri si dà inizio ai riti Quaresimali, precursori a quelli che si celebrano durante la Settimana Santa.

A Ruvo di Puglia si celebra il rito dell’Adorazione della Croce durante le settimane della Quaresima, a cui partecipano gli iscritti ai quattro sodalizi confraternali.

L’appuntamento odierno è previsto a partire dalla serata giovedi’ 15 Febbraio, con inizio alle ore 18,30 nella chiesa del Carmine, dove sarà celebrata la Santa Messa, con annesso rito dell’Adorazione della Croce.

Presentiamo un pò di storia raccontata da Michele Pellicani: “La disposizione delle Confraternite alla partecipazione ai riti avviene secondo l’ordine di anzianità con l’ultimo posto assegnato alla Confraternita che ospita. Il primo banco è riservato agli amministratori, su di esso sono posti due candelieri, nei banchi a seguire prendono posto i Confratelli e le Consorelle.
Il Priore della confraternita ospitante attraverso il campanello detta i tempi del Rito. Annuncia l’ingresso dei confratelli suddivisi per ogni sodalizio e l’inizio e la fine delle varie fasi dell’Adorazione della Croce.
A precedere il rito dell’Adorazione della Croce è la celebrazione eucaristica. Al termine della Santa Messa, prima della benedizione finale, ha inizio il Rito.
Una volta venivano rispettate rigide regole insegnate dai “Maestri dei Novizi”, ovvero preposti ad avviare il cammino dei Confratelli, sino agli anni ’90 la Croce veniva posta in terra ai piedi dell’altare, oggi invece viene elevata.
In un clima di raccoglimento apre l’adorazione il Celebrante accompagnato da due Confratelli in abiti confraternali.
L’organo con le note di passione accompagna l’adorazione. A coordinare il Rito è il “Decurione” della Confraternita ospitante su ordini del Priore. Anche per il bacio vale l’ordine di anzianità delle quattro congreghe.
Dopo l’amministrazione, Priore, 1° e 2° Componente sono i confratelli e consorelle a coppia e due alla volta di portarsi ai piedi dell’altare per baciare il Crocifisso. Anche per il bacio si va in ordine di ogni Sodalizio, regola il flusso attraverso il proprio “Decurione” il Confratello anziano è posto alla destra e bacia per primo la Croce, mentre il più giovane a sinistra.
Al termine del rito il celebrante impartisce la benedizione con la Croce.
Era tradizione sino alla fine degli anni ’70 che al termine del ciclo del Rito dell’Adorazione della Croce il Priore dell’Arciconfraternita del Carmine, donasse alle Amministrazioni delle altre Confraternite un Sarago, simbolo dell’astinenza”.

(foto Leonardo Api)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: